Pallavolo, in piazza del Popolo la serata di presentazione della Top Volley Latina

Partecipato l'evento per la presentazione ufficiale della Top Volley stagione 2016-17 che all'insegna dello slogan "Insieme siamo più forti" si è tenuta nel cuore di Latina. Consegnata dal sindaco e Coletta e Luigi Goldner una targa a Sottile argento alle Olimpiadi di Rio

(foto di Paola Libralato)

E’ stata piazza del Popolo ieri sera a fare da cornice alla presentazione ufficiale della Top Volley stagione 2016-17, all’insegna dello slogan “Insieme siamo più forti”. 

La serata è introdotta dai volti di Raisport, Simona Rolandi e Maurizio Colantoni, e prima del grande evento, nella Ppiazza antistante il Comune sono stati allestiti due campi di minivolley dove i bambini si sono cimentarsi nel gioco. Presenti molte autorità che si sono alternate sul palco come Emanuele Bragato dell’Avis Latina e il sindaco Damiano Coletta. “Fino allo scorso anno ero il cardiologo di questa società, quest’anno come Primo Cittadino mi fa piacere presenziare a questa cerimonia. Conosco i componenti della società e dello staff. È una società che da alla Città una immagine pulita, cerchiamo di sostenerla. Conosco anche i sacrifici che ci vogliono per mantenere il massimo livello”.

E’ intervenuto anche Luciano Cecchi consigliere federale della Fipav nazionale: “Quello che questa società, costruita da Luigi Goldner e affiancata da Gianrio Falivene, ha fatto nel corso degli anni, deve essere un punto d’orgoglio per tutto il movimento della pallavolo nazionale. Ha una rosa di tutto livello, con il medagliato Sottile, ma poi anche Fei che ha vinto tutto, per passare a Maruotti. Voglio ringraziare tutti i dirigenti ad iniziare da Candido Grande”.

“Una continuità ad alto livello, che è sempre più difficile trovare - ha detto Andrea Burlandi presidente del CR Lazio -. Come Lazio abbiamo anche Sora in Superlega, Tuscania e Civitacastellana in A2, oltre al Club Italia. Latina deve essere da traino a tutto il movimento regionale”. “Ringrazio la società per l’invito e saluto gli sponsor presenti e tutte le istituzioni - ha dichiarato Massimo Moni presidente del CP Latina -. La Top Volley non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza. È un modo di avvicinare alla pallavolo i ragazzi. Ogni anno mostra i valori e gli sforzi a questo livello così importanti”.

“Ho visto poco, però come istinto non mi sembra male - ha detto Gianrio Falivene -. Il nostro obiettivo è quello che, chi gioca contro di noi, deve pensare che va incontro ad una battaglia. Noi dobbiamo essere bravi a giocarcela fino in fondo, poi se gli altri saranno più bravi, è giusto che vincano loro. L’augurio è quello di divertirci, riempire il palazzetto, e dare filo da torcere già alla prima partita”. “Posso solo ringraziare questa Città e questi giocatori, che ogni anno si riinventa e ci da sempre grandi emozioni” ha aggiunto Rolando Cecchini di Acqua & Sapone.

"Per il quarto anno siamo accanto alla società, faccio i complimenti per i 45 anni di attività. Come squadra ospite daremo sicuramente battaglia” ha detto Filippo di Franco della Farmaceutica Lodigiani a cui si è unito Pasquale Gagliardi della Banca Popolare del Lazio: “siamo veramente orgogliosi di stare ancora accanto a questa società. Chi ha vissuto l’esperienza olimpica ha visto molti volti che hanno vestito la maglia del Latina, Sottile su tutti”

"Dei 45 anni di attività io ne festeggio 30. Ringrazio tutti gli sponsor che ci hanno dato la possibilità di raggiungere i nostri sogni e continuare a coltivare la nostra grande passione… la pallavolo” ha concluso Luigi Goldner. “E difficile ricominciare ogni volta, ma partiamo da Rossi, Maruotti e Sottile, per creare qualche cosa. Domenica iniziamo il campionato, ho un sogno nel cassetto… ma non voglio dire nulla. La squadra è quella che abbiamo pensato all’inizio. Ringrazio tutti i presenti ad iniziare dalla autorità, alla stampa” sono state invece le parole di Candido Grande.

Sul palco i plurimedagliati olimpici Alessio Sartori, Romano Battisti e Matteo Lodo che hanno parlato delle loro imprese ad iniziare da Sydney per passare per Londra e terminare a Rio. E poi un appello al Sindaco di Roma di ripensarci sull’organizzazione delle Olimpiadi 2024.

Poi la parola ai protagonisti di questa stagione

“Questa è la squadra che volevamo e siamo riuscito a fare - ha detto mister Vincenzo Nacci -. Nasce dalla ricerca e un lavoro sui video. La caratteristica è quella dei lottatori e attaccati alla maglia. Nessuna squadra è adesso al massimo, ma ci presentiamo all’esordio con Verona molto combattivi, daremo battaglia.Alessandro Fei: “E’ una sfida, negli ultimi anni sono partito dalla panchina. Ci ho pensato un pochino… ma sono sicuro che darò il massimo. Ci sono tanti compagni giovani che hanno tanto da imparare, se saranno bravi cresceranno”

Daniele Sottile: “Un onore giocare con Fei, c’è da lovare e possiamo togliere delle belle soddisfazioni. Sono contento di aver fatto l’esperinza olimpica, sono felicissimo, rimarrà per sempre, ma da domenica c’è latina. Settimo anno, nuovi atleti, quest’anno credo che abbiamo la solita squadra fastidiosa.”

Gabriele Maruotti: “Sono contento di aver sposato un progetto importante, che mi è stata rinnovata la fascia di capitano, una iniezione di fiducia. È difficile oggi stabilire le forze in campo, noi dobbiamo iniziare subito bene con Verona”

Andrea Rossi:” Siamo una squadra operaia, senza grosse individualità, e mi ritrovo molto in questo schema. Mi trovo molto bene in questo clima”.

Consegnata dal Sindaco Damiano Coletta e Luigi Goldner una targa a Daniele Sottile. mentre il Latina Calcio ha consegnato una maglia alla Top Volley.

Al termine della serata sono state presentate le maglie di gioco disegnate dai tifosi: quella del Libero è stata ideata da Chiara Compagnoni di Vimercate mentre Massimo Andriano di Giovinazzo ha disegnato la maglia di gioco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento