Il Latina retrocede in Lega Pro: altri 5 punti di penalizzazione, addio serie B

È quanto deciso dal Tribunale Federale Nazionale in seguito al deferimento per violazioni Covisoc. Inibizioni anche per Mancini, Wainstein e Ferullo, e 1500 euro per la recidiva. Con quest'altra penalizzazione i nerazzurri sono aritmeticamente retrocessi

È arrivata con un giorno di ritardo, ma si è fatta sentire in tutta la sua pesantezza. Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare, a seguito del deferimento per violazioni Covisoc, ha inflitto un’altra penalizzazione al Latina calcio, stavolta di ben 5 punti. A questa si aggiungono la sanzione di 1500 euro per la recidiva, oltre alle inibizioni di 11, 6 e 4 mesi inflitte rispettivamente a Benedetto Mancini (all’epoca dei fatti amministratore unico e legale rappresentante della società), Daniela Wainstein (consigliere e legale rappresentante pro-tempore) e ad Angelo Ferullo (all’epoca dei fatti presidente del consiglio di amministrazione e legale rappresentante pro-tempore).

La stangata mette in anticipo la parola fine sulla stagione della formazione nerazzurra, che finisce in ultima posizione a quota 30, a -11 dalla zona playout, gap incolmabile a tre giornate dalla fine. Finisce dunque l’avventura dei nerazzurri in serie B, iniziata con una finale playoff, e la promozione in serie A sfiorata, e conclusasi mestamente con un fallimento e la retrocessione anticipata dalle sentenze del Tribunale Federale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento