Terracina, un’attesa lunga sei anni: riapre lo stadio Colavolpe

Chiuso nel 2007 per ragioni di sicurezza e inidoneità dell’impianto, lo stadio riaprirà domani in occasione della partita di calcio del Terracina contro il Fondi. Soddisfatto il sindaco Procaccini

Lo stadio Colavolpe a Terracina (fonte terracinacalcio1925.it)

Dopo sei anni di purgatorio, riapre finalmente lo stadio comunale “Colavolpe” a Terracina. A darne l’annuncio un soddisfatto sindaco. “Finalmente domani le porte del Colavolpe si riapriranno per tutti, senza divieti per nessuno. E sotto gli occhi della nazione grazie alle telecamere della Rai” ha commentato il primo cittadino Procaccini.

“Era la vigilia della gara Terracina – Vis Velletri, in programma il 14 ottobre 2007, quando per ragioni di sicurezza e inidoneità dell’impianto, l’allora prefetto Frattasi dispose, a ragione, il divieto di svolgere manifestazioni sportive presso lo stadio comunale “Colavolpe” - spiega il sindaco in una nota -. Da quel giorno sono cominciati 6 lunghi anni di purgatorio per tutti gli appassionati di calcio, terracinesi e non solo. Talvolta si è giocato con l’assenza dei soli tifosi ospiti, più spesso con l’assenza obbligata dei tifosi di casa o con l’impossibilità di acquistare il biglietto nel giorno stesso della partita”.

Ma da domani tutto torna alla normalità. “In occasione della partita con il Fondi spero di rivedere la straordinaria Curva Mare bollente e colorata come nei giorni migliori, ma anche di rivedere sugli spalti le famiglie terracinesi, da troppo tempo costrette a restare lontano dal Colavolpe. Ricambiando così anche gli immani sforzi compiuti dalla società del presidente Saturno.

Non è stato affatto facile risolvere il problema del Colavolpe. Fin dall’inizio del mio mandato amministrativo ho dovuto fare i conti con un’eredità pesante, piena zeppa di situazioni incancrenitesi nel tempo, ma questa dello stadio era certamente una delle più difficili e sentite. Oggi posso dire che ce l’abbiamo fatta, eppure resta da sottolineare la cosa più importante: il destino del Colavolpe, adesso, è nelle mani dei suoi tifosi. Già l’atteggiamento positivo tenuto dalla tifoseria in questo primo scorcio di campionato si è dimostrato decisivo per convincere gli organi della Pubblica Sicurezza a rilasciare il sospirato “via libera”.

A maggior ragione – prosegue Procaccini - non sarà tollerata in futuro da parte loro e della Federazione Calcio alcun comportamento illegale o antisportivo. Mi auguro quindi che chi ama davvero Terracina ed il calcio non voglia riportare le lancette dell’orologio indietro di sei anni. Sarebbe folle, sarebbe il vile tradimento del proprio amore.

In conclusione, mi sento in obbligo di ringraziare il prefetto D’Acunto, il vice prefetto Scipioni e il questore Intini per la fiducia accordataci, il locale commissariato di polizia e la dottoressa Cascella per i preziosi consigli, particolarmente durante i tanti lavori svolti dalla ditta incaricata di mettere in sicurezza l’impianto sportivo. Infine – conclude il sindaco - il nostro “prestigioso” assessore allo sport Mario Pescante e il geometra comunale Leone, direttore dei lavori. Un’ultima cosa ancora: forza Terracina!”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Banda dei furti seriali, l'accusa chiede condanne per oltre 57 anni di carcere

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

  • Cambio medico ed esenzioni ticket: ora si farà in Comune

Torna su
LatinaToday è in caricamento