Nicolò campione di fair play: Zingaretti premia il giovane calciatore di Aprilia

Il 13enne giocatore protagonista di un bellissimo gesto sportivo: ha sbagliato di proposito un calcio di rigore dubbio. Riconoscimento anche dal presidente della Regione Lazio

Riconoscimento anche dal presidente della Regione, Nicola Ziongaretti, per il giovanissimo calciatore di Aprilia divenuto ormai un vero esempio di fair play. 

A soli 13 anni Nicolò Francescotti, che milita nell’ Asd La Pelota Aprilia, nel corso di una partita di campionato di giovanissimi provinciali fascia B ha di proposito calciato fuori un rigore che non c’era poco prima fischiato dall’arbitro, rendendosi protagonista di un bellissimo gesto sportivo, che in poco tempo ha fatto il giro di tutta l’Italia. 

Per questo il presidente Zingaretti ha voluto premiare con una targa ricordo il giovane calciatore. “Si è trattato di un bell’esempio di fair play e correttezza per tanti adulti – ha detto il governatore del Lazio - per questo ho voluto premiare questo giovane calciatore insieme al suo dirigente. Auguro al ragazzo un grande in bocca al lupo per il suo futuro”.

Alla premiazione che si è tenuta nel pomeriggio di oggi, a cui ha preso parte anche il consigliere regionale di Liberi e Uguali, Daniele Ognibene, ha partecipato la famiglia di Nicolò: la madre Bella, il padre Fabrizio e la sorella. Al padre, dirigente della società, sono stati donati anche sei palloni per l’attività sportiva della società apriliana.

Nei giorni scorsi Nicolò era stato premiato anche dal sindaco di Aprilia, Antonio Terra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento