Ujkani sbaglia, Iacobucci in stato di grazia. Pomeriggio amaro per il Latina

I nerazzurri vengono sconfitti dall'Entella grazie a un gol di Troiano al 18', scaturito da un'uscita fuori tempo dell'estremo difensore albanese. Nella ripresa il portiere dei liguri prodigioso in cinque occasioni. Protestano i pontini per un rigore negato a Paponi

Conti alla mano sono i portieri a decidere il posticipo tra Latina ed Entella. Perché se tra i liguri, Iacobucci (ex di turno) si rende protagonista assoluto con cinque interventi determinanti, il suo collega Ujkani è il principale responsabile sul gol di Troiano, con la sua uscita fuori tempo. Un brutto Latina per un tempo, che ha lasciato il posto a una squadra più vogliosa e determinata nella seconda frazione, i cui tentativi si sono infranti sui guanti di Iacobucci. A concludere la fiera delle recriminazioni, la mancata concessione di un calcio di rigore, apparso piuttosto netto, su Paponi, nel finale di gara.

PRIMO TEMPO – Partiamo dalla fine: i fischi copiosi che accompagnano i giocatori del Latina mentre fanno rientro negli spogliatoi, sono il più eloquente dei commenti. Di certo i tifosi nerazzurri si aspettavano un atteggiamento diverso da una squadra che deve lottare per la salvezza. Neppure le novità proposte da Gautieri, che rivoluziona due terzi dell’attacco con gli innesti di Corvia e Ammari, sortiscono gli effetti sperati. Nei primi trequarti d’ora della gara a farsi preferire è senza dubbio la squadra di Aglietti, sistemata con un 4-3-3 elastico, nel quale Sestu, avanzato in avanti, fa da collante tra attacco e centrocampo, rimpolpato dall’innesto di Staiti. La gara si sviluppa su buoni ritmi, con le due squadre principalmente preoccupate di chiudere ogni varco. Normale che la gara si sblocchi su un calcio piazzato: al 18’ è un gentile omaggio di Ujkani a sbloccare la partita, nel momento in cui l’Entella stava cominciando a prendere il sopravvento su un Latina troppo dimesso. Le negatività in casa nerazzurra si fanno più evidenti quando la squadra di Gautieri è chiamata a fare la partita e tentare la rimonta. A emergere sono soprattutto i soliti limiti tecnici di Mbaye, pressoché nullo in fase di possesso, e piuttosto impacciato nel contrastare Keita. Se ne accorge persino Gautieri, tanto da ordinare la sua sostituzione (entra Bandinelli) a tre minuti dalla fine del tempo. Evidente anche la differenza tra i due reparti avanzati: da un lato, in casa Entella, è tangibile il livello di pericolosità di bomber Caputo, ben assistito da Sestu e Cutolo, mentre dall’altra parte si registrano i movimenti un po’ sconclusionati e i cross imprecisi di Ammari, e l’intermittenza di Scaglia. A farsi apprezzare sono solo alcune giocate di Schiattarella, protagonista anche nell’episodio che vede Cutolo beccare un rosso tanto stupido quanto evitabile (manata sull’ex centrocampista del Livorno). Eppure, in quasi venti minuti di superiorità numerica, eccezion fatta per un sinistro a giro di Scaglia, il Latina non impensierirà mai l’ex Iacobucci.

Le Pagelle dei nerazzurri

SECONDO TEMPO – La reazione del Latina c’è. Sarà il moto d’orgoglio scatenato dai fischi, e dal puntuale invito a mostrare gli attributi formulato dai tifosi, saranno stati i rimbrotti di Gautieri, fatto sta che i nerazzurri nella ripresa ci provano con una certa frequenza a riportare il match in parità. E qui sale in cattedra Iacobucci, che nega il gol alla sua ex squadra con tre miracoli su Schiattarella, Corvia e Scaglia. Il resto è un assedio perpetuo dei pontini che però si rivela infruttuoso. L’Entella si affida alla cura della sola fase difensiva, visto che Caputo (per ovvie ragioni) sparisce presto dai radar, isolato nella trequarti avversaria a battagliare con Dellafiore ed Esposito. Gautieri le prova tutte, a cominciare dall’innesto di Boakye per Bruscagin, con contestuale arretramento di Schiattarella in difesa, passando per l’inserimento finale di Paponi, che sfiora il gol negatogli da un monumentale Iacobucci, decisivo anche su una fiondata di Calderoni. Lo stesso Paponi sarà protagonista dell’episodio più controverso e contestato della partita, quando in pieno recupero viene agganciato in area da Keita. L’arbitro non concede il rigore, ed espelle Esposito e Mariga per proteste. Vince l’Entella, tra le proteste di tutto il Latina, e il presidente Maietta che cerca di ristabilire la calma in campo. I liguri rinforzano le proprie le proprie ambizioni, e possono addirittura guardare alle primissime posizioni (il Trapani terzo è a +5), mentre i pontini perdono un’altra occasione per allontanare lo spettro dei playout.  

Latina (4-3-3) Ujkani; Bruscagin (24’st Boakye), Dellafiore, Esposito, Calderoni; Mbaye (44’pt Bandinelli), Mariga, Schiattarella; Scaglia, Corvia (31’st Paponi), Ammari. A disposizione: Leone, Olivera, Shahinas, Brosco, Dumitru, Baldanzeddu. All. Gautieri

Virtus Entella (4-3-2-1) Iacobucci; Iacoponi, Benedetti, Pellizzer, Keita; Staiti (33’st Sini), Troiano, Palermo; Sestu (28’st Masucci), Cutolo; Caputo. A disposizione: Paroni, Volpe, Zanon, Di Paola, Otin, Belli, Mota. All. Aglietti

Arbitro: Pezzuto di Lecce

Marcatori: 18’pt Troiano (E)

Ammoniti: Bruscagin (L), Schiattarella (L), Troiano (E), Mbaye (L), Ammari (L), Sestu (E), Iacobucci (E), Caputo (E)

Espulsi: 26’pt Cutolo (E) per fallo di reazione, 50’st Mariga (L) ed Esposito (L) per proteste

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Guida Michelin 2020: c'è l’Acqua Pazza di Ponza tra i ristoranti “stellati” del Paese

  • Spaccio a piazza Moro, Girondino condannato a tre anni e mezzo di carcere

  • Tragico incidente a Terracina, auto contro un camion: muore una donna

  • Tabacco riscaldato e sigarette elettroniche riducono dell'80% i livelli di monossido di carbonio: lo studio italiano

Torna su
LatinaToday è in caricamento