Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Latina la teca con i resti dell’auto della scorta di Falcone | IL VIDEO

 

E’ stata scoperta oggi pomeriggio, 27 novembre, a Latina la teca con le lamiere della Quarto Savona 15, l’auto che scortava il giudice Giovanni Falcone quel 23 maggio 1992 quando il magistrato, la moglie e gli uomini della sua scorta persero al vita nella strage di Capaci. 

Arriva nel capoluogo pontino per la prima volta la teca che custodisce i resti di quella Croma blindata su cui viaggiavano gli uomini della scorta di Giovanni Falcone: Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo, uomini che del loro lavoro hanno fatto la loro vita. L’iniziativa è stata promossa dal Comune di Latina, dalla Polizia di Stato e dalla Regione Lazio e l’esposizione potrà essere visitata tutti i giorni dal 27 novembre al 3 dicembre. 

A togliere quel telo che copriva la teca oggi pomeriggio a Latina, sotto l’Intendenza di Finanza in piazza del Popolo, anche Tina Montinaro, moglie del caposcorta Antonio, che con forza, determinazione e coraggio porta avanti in prima linea la sua battaglia contro la mafia in memoria anche dei ragazzi della "Quarto Savona 15". “Oggi ho portato la Quarto Savona 15 a Latina. Come vedete non li hanno fermati, perché la Quarto Savona 15 ha continuato a macinare chilometri. Noi a testa alta andiamo avanti. Voi così dimostrate a me che Antonio non è morto inutilmente e che ai miei figli non manca il padre inutilmente. Grazie per non farmi sentire da sola”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LatinaToday è in caricamento