rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Gli interventi / Fondi

Fondi, lavori di risanamento delle reti idriche per un recupero di 900.000 metri cubi di acqua l’anno

Attività di efficientamento su tutti i 170 chilometri di rete comunale e ammodernamento condotte su 5-7 chilometri. Si parte da via San Magno, via Colle Troiano e via Valle Vigna

Stanno interessando anche il territorio di Fondi i lavori di Acqualatina per il risanamento e l’ottimizzazione delle reti idriche a servizio del territorio comunale. Gli interventi rientrano nel più ampio progetto di recupero perdite e risanamento e ottimizzazione reti che Acqualatina porta avanti da anni su tutto l’Ato4 e che ora vedono un ulteriore rafforzamento, grazie a 10 milioni di euro da investire su 9 comuni.

Nello specifico, su Fondi si interverrà con l’ammodernamento di 5-7 chilometri di rete e l’efficientamento del servizio su tutti i 170 chilometri di rete comunale, con un recupero di acqua previsto di oltre 900.000 metri cubi l’anno.

I lavori inizieranno su via San Magno, via Colle Troiano e via Valle Vigna. Per completare gli interventi sarà necessario sostituire anche gli allacci delle singole utenze sulla nuova rete, per poi procedere alla sua attivazione. Nei prossimi giorni, dunque, i tecnici di Acqualatina eseguiranno dei sopralluoghi presso le utenze delle suddette vie per le opportune verifiche.

“Chiediamo disponibilità ai cittadini di via San Magno, via Colle Troiano e via Valle Vigna per l’accesso alle proprietà private da parte dei tecnici di Acqualatina, qualora si rendesse necessario - ha dichiarato il sindaco di Fondi Beniamino Maschietto -. Ricordo a tutti che si tratta di opere di fondamentale importanza, per il miglioramento del servizio di distribuzione idrica. Nella lettera che Comune e Gestore hanno recapitato a tutti gli utenti interessati dai lavori, è presente anche un numero di cellulare da utilizzare per tempestive comunicazioni, così da agevolare ancor più gli interventi”.

“Gli allacci - spiega poi la società - verranno effettuati a cura di Acqualatina, per quanto di competenza e in base agli esiti del sopralluogo. Per le utenze che hanno già un contatore posto all’esterno della proprietà privata, con tali attività non cambierà nulla” mentre per quelle “che hanno un contatore posto all’interno della proprietà privata, invece, previa autorizzazione del proprietario, il contatore verrà spostato dai tecnici all’esterno. Nel caso in cui non sia possibile effettuare questi spostamenti, verrà presa in considerazione la possibilità di installare all’esterno un contatore generale di controllo. Queste attività permetteranno di monitorare più facilmente eventuali perdite e rendere più agevole, in futuro, le attività di gestione, come la lettura dei consumi, così come la manutenzione e il controllo del contatore, senza necessità di accedere alla proprietà privata e, quindi, senza alcun disturbo per i cittadini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi, lavori di risanamento delle reti idriche per un recupero di 900.000 metri cubi di acqua l’anno

LatinaToday è in caricamento