menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini Lazio, D'Amato: "Costretti a bloccare tutto se entro 24 ore non arrivano dosi AstraZeneca"

La regione rischia dunque un nuovo stop nelle vaccinazioni a causa dell'insufficienza delle dosi

"Se nelle prossime 24 ore non arrivano i 122mila vaccini di AstraZeneca previsti siamo costretti nostro malgrado a sospendere le vaccinazioni". Sono le parole dell'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D'Amato, che aggiunge: "Mi auguro che tale sospensione venga scongiurata. Abbiamo messo in esercizio una macchina imponente che non deve fermarsi. Da ieri notte abbiamo aperto le prenotazioni anche per l'età 66 e 67 e sono già oltre 36 mila i prenotati. Abbiamo un milione di prenotazioni da qui a maggio. Servono i vaccini!". 

Il Lazio rischia dunque un nuovo stop nelle vaccinazioni a causa dell'insufficienza delle dosi, che potrebbero non far fronte al grande numero di prenotazioni che si stanno via via aprendo per le diverse fasce di età. Già il 15 marzo scorso, ma per diverse motivazioni, la campagna vaccinale del Lazio con le dosi di AstraZeneca era stata sospesa. Dopo le rassicurazioni dell'Ema sulla qualità del vaccino, tuttavia, la campagna sembrava essersi ripresa.

Pfizer ai medici di famiglia

Le Regione, che già da tempo subodorava le difficoltà nel reperimento delle dosi di AstraZeneca, si era tuttavia tutelata con Pfizer annunciandone le dosi anche negli studi medici: "Per tutto il mese di aprile a causa delle dosi ridotte di AstraZeneca i medici di medicina generale lavoreranno in prevalenza con Pfizer, sono state date indicazioni a tutte le Asl. Non appena arriverà il vaccino Johnson&Johnson verrà dato a tutti i medici di medicina generale", aveva detto D'Amato più tardi di una settimana fa.

Zingaretti: "Problema dose di richiamo, siamo preoccupati"

Sulla questione della carenza delle dosi si è espresso anche il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, parlando a SkyTg24: "Il problema più grande è quello dei richiami, perché questi sono vaccini che hanno due dosi e quando, come nel Lazio, hai fatto un milione di vaccinati bisogna continuare ma stare anche molto attenti ad avere i magazzini pieni per fare la seconda dose".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento