Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità

Parco Evergreen chiuso a Latina: il Comitato spontaneo non ci sta

Nato nelle scorse settimane avanza ora precise richieste dopo la chiusura dell’area nell’ambito del progetto Upper

Un Comitato Spontaneo si è formato durante un’assemblea pubblica lo scorso primo giugno in seguito alla notizia della chiusura del parco Evergreen per l’inizio dei lavori relativi al progetto Upper, la cui conclusione ultima era inderogabilmente fissata per il 31 agosto di quest’anno, pena la perdita di finanziamenti per un importo che risultava pari a 555.530 euro, secondo il Documento Unico di Programmazione (DUP) 2022-2024 approvato con la delibera del 16 giugno”. 

Una notizia a cui il Comitato si oppone fortemente; e spiega le sue ragioni all’interno di una nota.  

“Durante la partecipata assemblea - scrive il Comitato spontaneo Parco Evergreen -, alla nostra richiesta di prorogare la scadenza dei lavori in modo da permettere a chi abita il quartiere di usufruire del parco per i mesi estivi, ci è stato ripetuto più volte dal consigliere di Lbc Dario Bellini che un’alternativa non c’era e che, con la nostra protesta, rischiavamo di far perdere finanziamenti importanti alla città. Lo stesso Bellini quindi proponeva lo spostamento del punto ristoro gestito dalla Coop. La Tartaruga al Parco San Marco. A nulla sono valsi i nostri richiami al fatto che a noi interessava la disponibilità del Parco Evergreen per l’estate, essendo esso un luogo fondamentale per la socialità di chi abita il quartiere e delle numerose famiglie svantaggiate che da sempre frequentano quel luogo: tutta l’attenzione del consigliere Bellini sembrava puntata sulla cooperativa, senza nessun tipo di accoglimento e di ascolto verso le nostre reali richieste. 

Abbiamo quindi riproposto il nostro appello in un incontro con l’amministrazione in cui abbiamo avuto un confronto con l’attuale assessore ai lavori pubblici Carnevale, con il consigliere De Amicis e alcuni funzionari comunali, ma la risposta dell’assessore è stata la stessa di Bellini: scadenze improrogabili, lavori da far iniziare immediatamente. E ancora una volta, totale indifferenza rispetto ai bisogni degli/delle abitanti quartiere (anche da parte di chi in quel quartiere lavora e ha la sua base elettorale, come il consigliere De Amicis) e chiusura totale sulla possibilità di tenere aperta almeno un’ala del parco per i mesi più caldi: tutti i discorsi venivano sistematicamente dirottati sull’unico punto che sembrava stare a cuore all’amministrazione, e cioè il trasferimento della Coop. La Tartaruga al Parco San Marco nel più breve tempo possibile. 

A distanza di oltre un mese dalla nostra prima assemblea, lunedì 10 luglio il parco Evergreen è stato definitivamente chiuso e il suo utilizzo da parte della comunità precluso fino a data da destinarsi. Martedì 11 luglio, durante una riunione on-line organizzata dall’Assessorato ai lavori pubblici sul tema ‘Indagine preliminare di mercato gestione parchi produttivi Upper’ a cui, oltre al nostro Comitato, hanno partecipato una quindicina di altre associazioni e/o realtà interessate al nuovo bando Upper, la dirigente ai lavori pubblici e coordinatrice del progetto, la dottoressa Angelica Vagnozzi ha affermato che i lavori al parco Evergreen non devono essere terminati entro il 31 agosto – come sempre affermato finora – ma piuttosto che entro quella data il cantiere deve essere aperto. Ergo: non c’era necessità di privare la cittadinanza del parco per i mesi estivi e si poteva prorogare la sua chiusura – come da noi originariamente proposto – alla seconda metà di agosto. Va precisato che in passato due consiglieri di opposizione, Leonardo Majocchi e Nazzareno Ranaldi, si sono confrontati con il nostro comitato e resi disponibili per fare richiesta di accesso agli atti. In quell’occasione la stessa funzionaria Vagnozzi aveva sconsigliato l’accesso agli atti dichiarando di poter fornire informazioni dirette, e ribadendo verbalmente ai due consiglieri che la data ultima per il termine dei lavori fosse il 31 agosto. D’altronde, la stessa data compariva già nella Delibera 66/2022 approvata il 5 aprile 2022 dalla allora Giunta Coletta, in cui si evince che ‘è stata concessa una proroga di 12 mesi del Progetto Upper che si concluderà in data 31/08/2023’. 

A questo punto, davanti a questa abissale dimostrazione di sordità e mancanza di chiarezza da parte delle istituzioni nei suoi diversi comparti (amministrazione, opposizione e funzionari) noi siamo rimasti a dir poco basiti. Se quanto affermato solo questa settimana dalla dottoressa Vagnozzi corrisponde al vero, ci domandiamo per quale motivo, e in nome di quale urgenza, si sia deciso di privare una parte importante di cittadinanza di un’area dall’alto valore aggregativo per un pubblico trasversale che include una forte presenza di nuclei familiari appartenenti alle fasce più deboli della popolazione (e non certo quindi un’area abbandonata e improduttiva, come previsto dal Progetto Upper). Così come ci chiediamo in nome di quali considerazioni sia il consigliere Bellini che l’assessore Carnevale, davanti alle nostre reiterate richieste, ci abbiano fornito informazioni errate. Nel migliore dei casi, possiamo pensare che le informazioni siano state fornite in maniera errata anche a loro, ma a questo punto la questione è ancora più complessa: essendo Bellini stato parte dell’amministrazione che ha pianificato la riconversione Upper, e Carnevale parte di quella che dovrebbe rendere esecutivo il progetto, chi detiene e gestisce le informazioni corrette? Quello che registriamo è il pieno accordo tra la precedente giunta Coletta e l’attuale giunta guidata dalla sindaca Celentano sulla chiusura del parco prima del termine previsto e nei giorni di emergenza caldo. Per quanto ci riguarda, se questa è la modalità con cui si sta affrontando la trasformazione di un intero ecosistema sociale, ci permettiamo di avanzare forti dubbi sull’operazione nel suo complesso, e chiediamo che: 
-  il parco Evergreen sia immediatamente riaperto e reso fruibile alla cittadinanza almeno fino al 20 di agosto; 
- venga al più presto data risposta alla nostra richiesta di accesso agli atti, già avanzata nelle scorse settimane; 
- chiediamo di rivalutare e rimodulare l’inclusione del parco Evergreen nel progetto Upper, sulla base del suo principio cardine che ogni azione deve tenere conto delle esigenze avanzate dalla cittadinanza che quel parco ha sempre frequentato, considerando che il parco Evergreen non può a nostro avviso venire classificato in nessuna maniera come un’area abbandonata e periferica, essendo da oltre quarant’anni uno dei pochi spazi verdi realmente vissuti in questa città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Evergreen chiuso a Latina: il Comitato spontaneo non ci sta
LatinaToday è in caricamento