rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Il progetto / Cisterna di Latina

In un appartamento confiscato alla criminalità nasce la casa domotica del "Dopo di noi"

Gli assessori di Cisterna Carletti e Santilli: "Una palestra di vita fuori dal contesto familiare o istituzionale"

Iniziano a Cisterna i lavori per trasformare un appartamento confiscato alla criminalità in una casa domotica per il "Dopo di noi". Gli assessori Carlo Carletti ai Servizi Sociali e Andrea Santilli ai Lavori Pubblici, questa mattina hanno effettuato un sopralluogo in via Pitagora all'interno dell'alloggio. Il progetto, elaborato nell’ambito della programmazione del Distretto Socio-sanitario LT1, ha ottenuto un finanziamento di 238mila euro, di cui 107mila per lavori, dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) per la ristrutturazione, adeguamento, servizi e forniture finalizzati alla trasformazione in una casa domotica in grado di ospitare quattro persone, con varie tipologie di disabilità, garantendo loro un elevato livello di autonomia. 

L’appartamento è posto al piano terra di via Pitagora, comprende circa 64 metri quadrati interni e un giardino esclusivo di pertinenza. Gli interventi riguaderanno l'installazione di un sistema di domotica, come comandi vocali, automatismi e impianti smart per consentire una vita indipendenti a coloro che lo abiteranno.

"Gli obiettivi generali dell’intervento sono rivolti al miglioramento delle relazioni sociali, l’autonomia personale, garantendo la salute psico-fisica, la cura della persona e l’autodeterminazione  attraverso la sperimentazione di una vita in comune tra persone con disabilità grave – spiegano gli assessori Carletti e Santilli – . L’obiettivo della progettazione prevede la ristrutturazione dell’unità abitativa in grado di ospitare 4 beneficiari in coabitazione assistita. L’esperienza residenziale deve essere intesa come palestra di vita fuori dal contesto familiare o istituzionale, da realizzare garantendo alle persone coinvolte la possibilità di avviare o mantenere una routine fatta di impegni personali. L'attuazione del progetto consentirà inoltre di acquisire nuovi modelli professionali per la presa in carico delle persone con disabilità, verso l’inclusione lavorativa, con strumenti di coabitazione assistita anche verso il 'Dopo di Noi'".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In un appartamento confiscato alla criminalità nasce la casa domotica del "Dopo di noi"

LatinaToday è in caricamento