Attualità

Cisterna punta su ricerca, sviluppo e alta formazione: nasce la Fondazione Pomos

Il nuovo soggetto scientifico partecipato dal Comune in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma evolve e potenzia il Polo della Mobilità Sostenibile

Cisterna punta sulla ricerca, lo sviluppo e l’alta formazione: per questo è stato istituito un nuovo soggetto scientifico partecipato dal Comune in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma che di fatto evolve e potenzia il Polo della Mobilità Sostenibile (Po.Mo.S.) di via delle Province.

Si chiamerà “Fondazione di partecipazione Pomos Onlus” e ieri mattina, nella Sala delle Statue del Palazzo dei Servizi, è stata presentata ai consiglieri comunali di maggioranza e opposizione.

Ad esporre il progetto c’erano il vicesindaco Vittorio Sambucci, l'assessore Gildo Di Candilo, il segretario generale Giosy Pierpaola Tomasello, la dirigente Angela Coluzzi ed il professor Fabio Massimo Frattale Mascioli, responsabile scientifico del PO.MO.S. - Polo per la Mobilità Sostenibile, Laboratorio di Ricerca dell'Università Sapienza di Roma. E’ intervenuto nella discussione in qualità di ospite anche lo scrittore Antonio Pennacchi.

Frattale Mascioli ha presentato le attività, i progetti e i prototipi realizzati dal PO.MO.S. nei 12 anni di presenza sul territorio di Cisterna, esplicitando infine le opportunità derivanti dalla creazione di una nuova "piattaforma" costituita dalla Fondazione per “diffondere in modo più pervasivo le attività di Ricerca e Sviluppo, di Formazione e di crescita per il territorio nonché per il suo tessuto imprenditoriale, consolidando quanto già fatto e promuovendo nuove collaborazioni sia a livello locale che globale”.

"La Fondazione - spiegano dal Comune - sarà un ente non a scopo di lucro rivolto verso il miglioramento della qualità della formazione, della ricerca e dell’innovazione, finalizzato ad aumentare le opportunità di crescita per studenti, laureandi, dottori di ricerca e ricercatori con l’apertura a collaborazioni sinergiche con aziende, enti ed altre Fondazioni. Tra gli obiettivi della nuova fondazione ci sono poi la creazione di una tra le prime Energy Community d’Italia e l’istituzione di centri di ricerca altamente specializzati in settori come la Meccatronica, le Transizione energetica, i cosiddetti Nuovi materiali (sensori, robotica e Internet of Things), l’intelligenza artificiale per l’Industria 4.0 e l’Agricoltura 4.0, la Prototipazione rapida e la stampa 3D”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisterna punta su ricerca, sviluppo e alta formazione: nasce la Fondazione Pomos

LatinaToday è in caricamento