menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto dalla pagina Facebook del Comune di Anzio)

(foto dalla pagina Facebook del Comune di Anzio)

Fase 2 ad Anzio, riaprono le spiagge: cosa si può fare e cosa è vietato al mare

L’ordinanza del sindaco De Angelis. Via libera ad attività motoria in spiaggia, uscite in mare, pesca sportiva, attività sportive acquatiche. E’ ancora vietato prendere il sole

Nuove regole e disposizioni in questa fase 2 dell'emergenza coronavirus anche per il mare di Anzio. Il sindaco Candido De Angelis ha firmato l’ordinanza in vigore da oggi, 11 maggio, per l'apertura delle spiagge e degli spazi demaniali, per consentire di praticare alcune attività, nel rispetto delle norme che regolano il distanziamento sociale e fermo restando l'assoluto divieto di ogni forma di assembramento.

"Da questa mattina è in vigore l'ordinanza che liberalizza l'attività motoria in spiaggia, le uscite in mare, la pesca sportiva, le attività sportive individuali acquatiche, nel rispetto del distanziamento e con il divieto assoluto di ogni forma di assembramento. Conto sul senso civico dei cittadini che - ha detto De Angelis -, in questi due mesi difficilissimi, hanno dimostrato grande maturità e la massima attenzione al rispetto delle direttive per la tutela della salute pubblica".

Inoltre è vietato occupare l’arenile con qualsiasi tipo di attrezzatura, tranne per le attività accessorie previste dagli sport acquatici. Sull’arenile non è consentito sostare, oltre il tempo strettamente necessario per l’espletamento dell’attività sportiva/motoria. Non è consentito prendere il sole ed effettuare insediamenti occasionali. Per tutte le attività consentite devono essere rispettate le distanze interpersonali di due metri per le sportive e di un metro per le passeggiate. Sono vietate tutte le attività ludiche o ricreative, compreso l’uso delle attrezzature e infrastrutture ginniche e dei giochi per bambini. E' consentito condurre cani, purché muniti di guinzaglio e dell'adeguata attrezzatura per la raccolta delle deiezioni. Per chi viola l’ordinanza previste csanzione amministrativa da 25 a 500 euro. 

Fino al 18 maggio, resteranno invece chiusi i parchi, le ville ed i giardini pubblici che, in questi giorni, saranno oggetto di interventi di manutenzione e sanificazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento