Attualità

Coronavirus, focolaio a una festa privata: 13 contagiati a Cori

Il sindaco Mauro De Lillis: "Faccio un appello a tutti i cittadini affinché rispettino le regole del distanziamento ed evitino assembramenti anche negli spazi privati"

Un recente focolaio di contagi si è sviluppato nel comune di Cori, nell'ambito di una festa privata, e ha fatto rilevare 13 contagi. La notizia è stata data dal sindaco Mauro De Lillis, il quale precisa però che le condizioni cliniche dei contagiati non sono critiche e che sono state adottate tutte le misure sanitarie di sicurezza dettate dai protocolli.

"La voglia di normalità è comprensibile - commenta il primo cittadino di Cori - e ci porta a tornare a festeggiare con amici e parenti, a incontrarci in eventi pubblici e privati, a passare serate in comitiva, a volte dimenticando che l’emergenza sanitaria non è finita. Purtroppo così non è. Il virus continua a circolare e siamo vulnerabili, nonostante le vaccinazioni. Ognuno di noi, per il lavoro e per la vita che svolge, è parte di una rete di relazioni fitta ed articolata. Molti di noi operano in contesti sensibili: perché hanno a che fare con persone fragili o perché sono a contatto con un ampio pubblico. Quindi i nostri comportamenti privati incidono profondamente sia nella sfera privata sia nella sfera lavorativa".

"Pertanto  - aggiunge il sindaco - abbiamo tutti la grande responsabilità di preservare il più possibile noi stessi ed i nostri “prossimi”. Faccio quindi un appello a tutti i cittadini di Cori e Giulianello affinché rispettino le regole del distanziamento ed evitino assembramenti anche negli spazi privati. Mi rivolgo anche ai ristoratori ed ai gestori dei locali pubblici, ai quali ricordo il peso che hanno dovuto subire per le forti restrizioni delle loro attività durante il periodo di lockdown. Non vogliamo tornare a maggiori forme di restrizione quindi dobbiamo essere tutti più responsabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, focolaio a una festa privata: 13 contagiati a Cori

LatinaToday è in caricamento