menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus Formia, contagi al Dono Svizzero: ispezione tra i reparti

Interessata dai casi la Cardiologia. Risultano però rispettate le prescritte misure di sicurezza

Attenzione puntata sull'ospedale Dono Svizzero di Formia dove si registrati alcuni contagi. Per fare chiarezza ieri, 23 dicembre, si è riunita la commissione aziendale per analizzare la situazione organizzativa all'interno del reparto di Cardiologia del nosocomio, interessato appunto da alcuni casi di positività tra il personale.

Una serie di visite ispettive della commissione all'interno del reparto ha portato ad accertare che i dispositivi di protezione individuale sono stati utilizzati correttamente e sono state osservate le procedure da parte del personale ospedaliero. I pazienti ricoverati nei vari reparti del Dono Svizzero risultano negativi ai test antigenici effettuati al pronto soccorso prima del ricovero. Per questa ragione si è ritenuto che il contagio sia arrivato dal personale, contagiato però non all'interno dell'ospedale ma al di fuori. 

Sono state tuttavia impartite ulteriori disposizioni restrittive da osservare nelle aree comuni di degenza. Anche il reparto di medicina d’urgenza covid-19 è stato valutato durante la visita ispettiva della commissione e si è evidenziata la completa rispondenza alle procedure di sicurezza e alla gestione autonoma dei pazienti covid-19 "senza che vi sia - specifica la Asl - nessuna interferenza con gli altri reparti, come è evidente dal fatto che, ad oggi, nessuno del personale risulti contagiato".

"Attualmente - chiarisce ancora l'azienda sanitaria - l’ospedale Dono Svizzero è attivo nelle sue specialità di ricovero ovvero il reparto di Medicina Interna, quello multidisciplinare di Chirurgia e Ortopedia, dialisi, cardiologia (che mantiene attive 5 stanze) e l’attività di emodinamica h24. In collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione, la commissione ha deciso di avviare una ulteriore campagna di sensibilizzazione, oltre alle azioni già attuate dal servizio di Prevenzione e Protezione, per poter prevenire tra il personale comportamenti a rischio contagio fuori dall’orario di lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento