Attualità

Coronavirus, nuovo picco: 60 casi. Cluster a Terracina che conta 14 contagi

L'aggiornamento della Asl. Altri 11 contagi rispettivamente a Latina e Cisterna, ma ci sono pazienti anche a Sermoneta, Cori, Roccagorga, Sezze e Formia

Non si ferma l'escalation di contagi nel territorio pontino, "sorvegliato speciale" in tutto il Lazio per l'aumento vertiginoso di casi. Oggi, 7 ottobre, 60 nuovi pazienti covid, dopo il picco dei 73 contagi dei giorni scorsi e dei 49 di ieri.

Il picco questa volta riguarda il comune di Terracina, insieme a quelli di Cisterna e Latina. A Terracina sono infatti 14 i cittadini risultati positivi, all'esito delle prime giornate di test effettuati al drive-in. Undici sono invece i casi a Latina e altrettanti nel comune di Cisterna, cinque rispettivamente a Cori, Formia e Sermoneta, tre ad Aprilia, due a Roccagorga e nel comune di Sabaudia, uno a Fondi e uno a Sezze. Il totale è di undici comuni interessati.

Cifra tonda per il totale dei pazienti contagiati dall'inizio della pandemia: sono ora 1.500, con un indice di prevalenza (numero di contagiati per 10mila abitanti) pari a 26,08. Il numero di guariti è di 669 in totale, 39 quello dei deceduti. 

I pazienti positivi sono attualmente 792, con 703 persone seguite nel proprio domicilio. 

La Asl comunica che sono stati attivati i drive-in ad Aprilia e Priverno per l'esecuzione di test antigenici e molecolari. Da domani, 8 ottobre, dalle 9 alle 14 sarà attivo il drive-in di Aprilia alla Fiera (mercato dei fiori) in località Campoverde, al km 46,600 della Pontina. A Priverno la postazione sarà arriva da domani dalle 8,30 alle 13,30 presso la casa della salute di via Madonna delle Grazie. 

Si ricorda che l'accesso è regolato da una prenotazione che dovrà essere effettuata almeno 24 ore prima. "Pertanto - spiega la Asl - non sarà garantito il tampone alle persone prive di prenotazione, ad eccezione dei seguenti cittadini che potranno presentarsi senza prenotazione: cittadini che devono partire per Stati Esteri, dove viene richiesta idonea certificazione, per i quali sarà sufficiente mostrare un idoneo titolo di viaggio e ricevuta di pagamento; cittadini contattati dal Dipartimento di Prevenzione, che procederà direttamente ad effettuare la prenotazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nuovo picco: 60 casi. Cluster a Terracina che conta 14 contagi

LatinaToday è in caricamento