menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il bollettino della Asl: altri 23 casi. La metà tra Aprilia e Latina

Cinque i contagi ad Aprilia e 7 nel capoluogo pontino; gli atri tra Cori (1), Cisterna (1), Formia (1), San Felice Circeo (3), Priverno (1) e Sezze (2), più due casi di pazienti residenti fuori provincia. Undici guariti in più

Non si arresta la crescita dei casi di coronavirus nella provincia di Latina. Sono 23 quelli confermati oggi, demonica 27 settembre, dalla Asl con il bollettino giornaliero. Una crescita che ha conosciuto una momentanea tregua questa settimana solo nella giornata di mercoledì quando i nuovi contagi sono stati “solo” 4. 
I casi di oggi sono stati registrati in 8 diversi comuni della provincia. La maggior parte ancora una volta ad Aprilia e Latina. Sei quelli accertati ad Aprilia che arriva ad un totale di 31 contagi nella sola settimana che termina oggi. Stesso numero raggiunto anche dal capoluogo pontino dove i positivi di oggi sono 7. Gli altri casi sono distribuiti tra i centri di Cori (1), Cisterna (1), Formia (1), San Felice Circeo (3), Priverno (1), Sezze (2), a cui se ne aggiungono anche altri due di pazienti non residenti in provincia.

Coronavirus Aprilia: positivi 4 alunni

Si aggiorna il quadro generale nel territorio pontino dove sono arrivati a 1165 i casi totali riscontrati tra i residenti nel territorio pontino; sono invece 494 gli attuali positivi con 421 dei pazienti che sono in cura presso il proprio domicilio mentre sono 73 quelli ricoverati. Buone notizie dal numero dei guariti che nelle ultime 24 ore sono stati 11 raggiungendo un totale di 633; 38 i decessi.

Sono previsti, infine, anche per le giornate di domani lunedì 28 e martedì 29 settembre i test rapidi presso le postazioni drive in allestite a Formia presso il Cinema Multisala del Mare in via Olivastro Spaventola. “L’esecuzione di tale test è rivolta a tutti i cittadini, principalmente domiciliati/residenti nel Comune, che pur non presentando segni clinici della malattia hanno, per i contatti avuti all’interno della comunità, un rischio aumentato di essere stati contagiati e di essere pertanto attualmente portatori dell’infezione” spiga la Azienda sanitaria locale ricordando che il test “non è rivolto ai cittadini già presi in carico dal Dipartimento di Prevenzione della Asl in quanto sintomatici o ‘contatti certi’ di soggetti positivi per i quali permangono le modalità di esecuzione di test a cura del Dipartimento quali in essere in tutta l’Azienda”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento