Attualità

Latina si prepara alle feste di Natale: prime restrizioni da oggi, dal 24 dicembre scatta la zona rossa

Ancora per tre giorni in vigore le misure del Dpcm del 3 dicembre con il divieto di spostamento tra le regioni. Dalla vigilia di Natale tutti in zona rossa: cosa cambia per la provincia pontina

Scatterà il giorno della vigilia di Natale la zona rossa anche in provincia di Latina e nel Lazio, secondo le ultime regole del nuovo decreto Natale illustrato dal presidente del Consiglio Conte lo scorso 18 dicembre. Ma le prime restrizioni per contenere la diffusione del coronavirus durante queste festività, soprattutto per quanto riguarda gli spostamenti, sono previste già da oggi, lunedì 21 dicembre, secondo quanto disposto invece dal Dpcm del 3 dicembre scorso.

Zona gialla: quando vale e cosa si può fare

La provincia pontina e il Lazio sono in zona gialla dal 21 e fino a mercoledì 23 dicembre compreso. In questi tre giorni resta in vigore il coprifuoco e rimane quindi vietata la circolazione tra le 22 e le 5 del mattino, se non per comprovati motivi di necessità e urgenza (tra queste ragioni rientra anche l'assistenza a un parente non autosufficiente), salute o lavoro e con autocertificazione. Nelle altre ore della giornata è comunque possibile spostarsi senza autocertificazione. E’ invece vietato spostarsi fuori dai confini regionali (se non per le tre stesse motivazioni di prima), non si potrà dunque andare nelle seconde case se sono fuori dal Lazio, mentre si potrà far rientro al proprio domicilio, nella residenza o nell'abitazione principale. Fino al 23 dicembre (compreso) restano aperti i negozi; per bar e ristoranti saracinesche alzate sempre solo fino alle 18, con la possibilità dell’asporto fino alle 22.

Zona rossa: quando vale e cosa si può fare

Come detto dal 24 dicembre anche nella provincia di Latina scatta la zona rossa che sarà valida fino al 27 dicembre, poi ancora il 31 dicembre, 1, 2 e 3 gennaio e il 5 e 6 gennaio. In questi giorni saranno chiusi negozi, bar e ristoranti; resteranno aperti solo supermercati e negozi di generi alimentari e di beni di prima necessità, farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie, parrucchieri e barbieri, mentre sono chiusi i centri estetici. Sono vietati gli spostamenti (se non per le tre solite motivazioni), mentre sarà consentita dalle 5 alle 22 l’uscita per fare visita ad amici e parenti per un massimo di due persone (sono esclusi i minori sotto i 14 anni), mentre chi vive in comuni con meno di 5mila abitanti potrà spostarsi entro un raggio di 30 chilometri ma non potrà recarsi nel capoluogo di provincia. Si potrà uscire per andare a messa, come anche per svolgere attività motoria. Per tutte queste deroghe è necessaria l’autocertificazione. Per la ristorazione è consentito l’asporto e la vendita a domicilio fino alle 22.

Autocertificazione: quando serve 

coronavirus_zona_rossa_natale-2

coronavirus_zona_rossa_natale_1-2

Zona arancione: quando scatta e cosa si piò fare

La zona arancione, anche nella provincia di Latina e negli altri centri del Lazio, è prevista solo dal 28 al 30 dicembre e il 4 gennaio. Durante questi giorni sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune, vietati quelli tra comni con la solita eccezione per residenti nei piccoli comuni che potranno spostarsi dai territorio fino a 5mila abitanti nel raggio di 30 km, ad eccezione dei capoluoghi. I negozi sono aperti fino alle 21, chiusi bar e ristoranti con l’asporto possibile fino alle 22.

coronavirus_zona_arancione_natale-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina si prepara alle feste di Natale: prime restrizioni da oggi, dal 24 dicembre scatta la zona rossa

LatinaToday è in caricamento