rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Attualità

Coronavirus, i nuovi criteri su casi positivi, tracciamento, isolamento e fine della quarantena

Le norme regionali rese note dalla Asl riguardano anche gli esiti del test antigenico e le modalità di accesso alle strutture sanitarie.

Con l’ordinanza del 30 dicembre 2021 del Presidente della Regione Lazio in materia di igiene e sanità pubblica, che recepisce le recentissime normative del Governo, sono state introdotte nuove importanti misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid con riferimento alla definizione dei casi positivi, le modalità di tracciamento e i criteri di isolamento e fine quarantena, nonché delle modalità di accesso alle strutture sanitarie.

Lo comunica la Asl di Latina precisando che tra le novità introdotte è stato stabilito che se il test antigenico rapido, anche di I e II generazione, risulta positivo, non deve essere confermato dal test molecolare. Invece un test antigenico negativo in soggetti sintomatici necessiterà di conferma con un secondo test antigenico rapido a distanza di 2-4 giorni o con metodica molecolare, esclusivamente sulla base della valutazione clinica ed epidemiologica del caso.

L’ordinanza infatti prevede: che il test antigenico potrà essere utilizzato per la valutazione del termine dell’isolamento di un caso confermato Covid-19; l’utilizzo del test antigenico nei soggetti con contatti dei casi positivi per la valutazione del termine della quarantena ai sensi della normativa pro tempore vigente in materia; che tutti i soggetti autorizzati alla esecuzione di test antigenici, ad es. le farmacie ed i laboratori d’analisi, dovranno garantire, l’inserimento dei dati relativi ai test antigenici rapidi nei sistemi informatici regionali, al fine di permettere la tempestiva presa in carico dei casi positivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, i nuovi criteri su casi positivi, tracciamento, isolamento e fine della quarantena

LatinaToday è in caricamento