Coronavirus: 32 nuovi casi nel Lazio, trend in calo nelle province. I guariti sono 2.322

Nel territorio pontino un solo nuovo contagio che fa salire il totale a 523; in tutta la regione sono 4286 gli attuali positivi. Partono nel Lazio i 300 mila test sierologici

Sono 523 i casi totali di positività al coronavirus nella provincia di Latina dall’inizio della pandemia. Un nuovo contagio, a Latina città, è stato confermato oggi, 10 maggio, dalla Asl con il consueto bollettino giornaliero. Si mantiene stabile la curva nel territorio pontino dove ieri i casi in più erano stati due, ed entrambi ad Aprilia. In totale sono stati 8 i contagi in tutta la settimana, che hanno interessato i territori di Terracina (1), Cisterna (1), Latina (2), Aprilia (2) e Norma (1) - l'ultimo ha riguardato un paziente originario di Pomezia ma trattato dalla Asl di Latina -.

Dando uno sguardo ai numeri di oggi, da segnalare l'aumento dei guariti che sono saliti a 352 (5 in più di ieri) e la progressiva diminuzione degli attuali positivi scesi a 141. Sono invece 47 i pazienti ancora ricoverati, nessuno nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Nessun nuovo decesso oggi, con il toale delle vittime in provincia che resta di 30. L’altra novità positiva, confermata oggi dall'Assessorato alla Sanità della Regione Lazio, riguarda le 2 postazioni di tampone drive-in per indagine di sieroprevalenza che saranno attive nella provincia di Latina: una presso l’ospedale Goretti di Latina e una a Gaeta, in piazza di Liegro.

Coronavirus Lazio: 32 casi in più in un giorno

Sono 32 i nuovi casi registrati oggi nel Lazio. Il dato fornito dall’assessore alla Sanità della Regione Alessio D’Amato al termine della videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Nel Lazio oggi il trend è allo 0,4%. Stabilmente in discesa la curva nelle province dove complessivamente si registrano 4 nuovi contagi nelle ultime 24 ore - uno per ogni provincia - e zero decessi. I tamponi totali eseguiti sono stati quasi 179 mila.

Coronavirus Lazio: i dati del 10 maggio

Con 32 nuovi contagi di oggi nel Lazio, il dato più basso dal 10 marzo, il totale dei casi dall'inizio dell’emergenza sale a 7165. Sono invece 4286 gli attuali positivi, di cui 2937 sono in isolamento domiciliare, 1265 sono ricoverati non in terapia intensiva e 84 sono ricoverati in terapia intensiva. Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 4 - in totale sono stati 557 -, mentre continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 2.322 totali.

Fase 2 a Latina: nuove regole per il mare 

Regole nuove per il lungomare di Latina a partire da lunedì 11 maggio. Con un’apposita ordinanza del sindaco Damiano Coletta - che sarà pubblicata in queste ore sull’Albo Pretorio del Comune -, sono state infatti emesse nuove disposizioni, dopo quelle in vigore da mercoledì 6 maggio, per quanto riguarda l’attività su spiaggia, arenile e mare (qui la notizia).

Nel Lazio lunedì al via i test sierologici

Il Lazio punta sui test sierologici per comprendere quale sia stata effettivamente la circolazione del coronavirus. Si parte lunedì 11 maggio e l’indagine interesserà un campione esteso di 300mila persone in tutta la regione, composto dal personale sanitario, delle forze dell’ordine, farmacisti, medici di medicina generale, pediatri, operatori delle Rsa, dei servizi e delle pulizie (qui la notizia).

Coronavirus Lazio: "Contagi nelle Rsa e in famiglia"

"Nel Lazio abbiamo ancora un duplice effetto di contagio: uno relativo ai cluster di comunità chiusi, come Rsa, case di riposo ed istituti religiosi, il cui contagio il più delle volte viene indotto dall'esterno, ovvero da operatori e personale che frequenta più di un luogo, cosa che però adesso abbiamo vietato. E l’altro elemento sono i cluster familiari, dove vi è un familiare che ha acquisito il virus e che, via via, per uno scarso isolamento, avvia il contagio interno". A fare il punto della situazione l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, che ha poi aggiunto. "Chi ha tradito gli anziani non può stare nel servizio sanitario regionale. Su questo saremo molto severi con tutti e lì dove emergeranno situazioni gravi si procederà alla revoca dell'accreditamento con il Ssr" (qui la notizia).

Coronavirus, le altre notizie

Coronavirus Aprilia, il sindaco: "Troppe segnalazioni di assembramenti"

Coronavirus Formia: senza mascherina sul bus non vuole scendere: denunciato

Coronavirus Lazio: dalla Regione un milione e mezzo per gli agriturismi

Coronavirus Lazio: linee guida per la ripresa delle attività socio-assistenziali per disabili

Coronavirus, Nettuno piange la morte di una 68enne 

Primo fine settimana della "fase 2", l'appello del sindaco Coletta

Dalla Regione pronte misure per cultura, sport, turismo e asili

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

Torna su
LatinaToday è in caricamento