menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: due cittadini contagiati in provincia, altri 14 casi nel Lazio

La situazione a Latina e nel Lazio registrata dal bollettino Asl e dai dati raccolti dall'assessorato alla Sanità. Nelle ultime 24 ore registrati 11 contagi di importazione

Il bollettino della Asl di domenica 19 luiglio indicava zero contagi, una circostanza che aveva fatto sperare in una svolta positiva, ma oggi, 20 luglio, la Asl annuncia altri due casi di covid. Si tratta di due pazienti del comune di Sabaudia, riferibili al cittadino indiano che nella giornata di sabato era stato trovato positivo.Per quanto riguarda i numeri, si contano complessivamente 590 casi totali in tutto il territorio pontino da inizio pandemia, 37 gli attuali positivi, 20 i pazienti ricoverati. Nessun decesso si è registrato nelle ultime 24 ore e resta stabile anche il numero dei pazienti guariti, fermo a 516. 

Coronavirus Lazio: 11 nuovi casi di importazione

Sono 14 invece i nuovi casi di covid registrati nell'intera regione Lazio. Di questi, 11 sono casi di importazione: 4 casi sono di nazionalità del Bangladesh, un caso da Venezuela, tre dall’India, uno dal Montenegro, uno da Tanzania e uno dalla Romania. "Indossare le mascherine - ha dichiarato l'assessore alla Sanità e Integrazione socio sanitaria Alessio D'Amato -  è un elemento importante se non vogliamo correre il rischio di fare come la Catalogna. I Paesi attorno all’Italia hanno tutti casi in aumento e a Roma abbiamo l’aeroporto più importante a livello nazionale". In particolare, nella Asl Roma 1 si registrano quattro nuovi casi e di questi due sono persone di nazionalità del Bangladesh e riferite all’esito dei tamponi sulla Comunità del Bangladesh richiamati al drive-in. Un caso di una donna di rientro dal Venezuela con scalo negli Stati Uniti per la quale sono state attivate le procedure del contact tracing internazionale. Un caso riguarda una donna con link legato a un cluster familiare già noto e isolato. Nella Asl Roma 2 dei quattro nuovi casi nelle ultime 24h una è una persona di nazionalità del Bangladesh e riferita all’esito dei tamponi sulla Comunità del Bangladesh richiamati al drive-in. Un caso riguarda una persona di nazionalità Indiana ora ricoverata allo Spallanzani. Un caso di una persona di nazionalità italiana di rientro dal Montenegro e un caso di una persona di rientro dalla Tanzania. Per gli ultimi tre casi sono state attivate le procedure del contact tracing internazionale. Nella Asl Roma 6 sono tre i nuovi casi nelle ultime 24 ore e di questi uno riguarda una persona di nazionalità del Bangladesh e riferita all’esito dei tamponi sulla Comunità del Bangladesh richiamati al drive-in. Un caso riguarda un uomo di rientro dalla Romania dove si era recato per motivi sanitari. Un caso riguarda una donna in accesso al pronto soccorso del Vannini e ora ricoverata al Policlinico Umberto I. 

Coronavirus: i numeri della regione

Per quanto riguarda nello specifico i numeri della regione, sono attualmente 885 i pazienti ancora positivi, di cui 175 ricoverati non in terapia intensiva, nove in terapia intensiva, 701 sono invece in isolamento domiciliare. Dall'inizio della pandemia nel Lazio si sono registrati 851 decessi per covid, mentre il numero totale dei guariti è arrivato a 6714 e i casi esaminati complessivamente 8450.

Coronavirus Latina, 11 comuni pontini toccati dal covid

Quando sembrava ormai che il coronavirus fosse in ritiirata, i contagi sono rapidamente risaliti nel Lazio e anche nella provincia pontina, toccando comuni che da tempo erano considerati fuori pericolo. Undici in particolare i territori di nuovo toccati dal covid. I principali sono Aprilia, con 6 casi, e Latina, con 5, ma anche Formia dove oltre ai 4 contagi all’interno dello stesso nucleo familiare un altro ne è stato accertato la scorsa settimana. Due casi sono stati registrati anche a Minturno e Terracina, e uno nei comuni di Pontinia, Cisterna, San Felice Circeo, Castelforte, Fondi e Sabaudia.

L'assessore D’Amato: “Usate la mascherina o si dovrà richiudere”

L'assessore alla sanità nel Lazio Alessio D'Amato, d'altronde, nell'ultima task force con le Asl e gli ospedali della regione è stato chiaro: "Rivolgo un appello all'utilizzo della mascherina o si dovrà richiudere. Non possiamo tornare indietro e disperdere gli sforzi fatti fin qui. Dobbiamo usare la mascherina o rischiamo nuovi casi come in Catalogna". Domenica dei 17 casi nel Lazio, 10 erano di importazione. . 

Coronavirus: le altre notizie

Sabaudia: contagi tra gli indiani. Il sindaco: "Attivati i protocolli"

Sabaudia, si parte con la prenotazione della spiaggia libera

Articolo in aggiornamento 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento