Coronavirus Latina, 216 contagi in provincia, 1545 nel Lazio. In arrivo un carico di un milione di mascherine

L'aggiornamento della Asl e della Regione. Oggi, 24 marzo, accordo tra Regione, Cnr, Spallanzani e ministeri della Salute e dell'Università per l'individuazione di un vaccino

Arrivano complessivamente a 216 i contagi registrati sul territorio pontino dall'inizio dell'emergenza, con un picco di 23 casi in più in 24 ore secondo l'ultimo bollettino Asl del 24 marzo.  I nuovi casi toccano soprattutto i comuni di Latina, Aprilia e Fondi, ognuno per quattro nuovi pazienti, ma si registra per la prima volta un positivo anche nel comune di Norma. Si tratta complessivamente del dato più alto numero di contagi giornalieri registrato dall'inizio dell'epidemia in provincia.  

Stessa crescita nelle ultime 24 ore anche nel Lazio. Secondo i dati forniti dalla Regione, ci sono 188 nuovi casi di positività con un trend che si mantiene intorno al 12%. In totale i casi esaminati nella regione dall'inizio dell'emergenza sono 1.728, 1.545 quelli attuali di cui 704 in isolamento domiciliare, 747 ricoverati non in Terapia intensiva  e 94 in Terapia intensiva. Il dato incoraggiante riguarda invece i guariti, che nelle ultime 24 salgono di 40 unità arrivando a 103 totali, la crescita maggiore dall’inizio dell’emergenza. Sono inoltre usciti dalla sorveglianza domiciliare in 5.535.

Coronavirus, protocollo in Regione per il vaccino

Una buona notizia arriva dalla Regione. Un protocollo tra Regione Lazio, ministero della Salute, ministero dell'Università e della Ricerca, Consiglio nazionale delle Ricerche e Irccs Spallanzani è stato siglato oggi, 24 marzo, per l'individuazione di un vaccino contro il Covid 19. Per la realizzazione di questo obiettivo saranno stanziati 8 milioni di euro, cinque dei quali a carico della Regione Lazio, trasferiti allo Spallanzani, e 3 milioni a carico del Ministero dell'Università e della Ricerca scientifica. 

Con il protocollo d’intesa vengono messe in campo tutte le azioni necessarie per contribuire alla soluzione dell’emergenza epidemiologica, attraverso l’iniziativa di ricerca tecnico-scientifica che punta alla individuazione, nel più breve tempo possibile, di un vaccino contro il Covid-19, che sarà finalizzato all’uso clinico e nello studio clinico di Fase I. Il Cnr e lo Spallanzani sono autorizzati, in stretta collaborazione e cooperazione e per le rispettive competenze, ad avviare ogni azione e attività scientifica, tecnica e gestionale per trovare il vaccino. La conduzione della ricerca sarà monitorata da un comitato internazionale che sarà individuato congiuntamente da Cnr e Spallanzani di concerto con i due Ministeri. Il Ministero dell’Università e della Ricerca e il Ministero della Salute si impegnano a sostenere l’intervento con iniziative di supporto e facilitazione, anche con l’eventuale coinvolgimento degli altri enti di ricerca vigilati e delle università. La Regione Lazio si impegna a mettere a disposizione la propria organizzazione e le strutture territoriali, nello specifico quelle sanitarie, anche garantendo il rilascio delle necessarie autorizzazioni, per l’esecuzione del presente protocollo. Il Protocollo d’intesa ha la durata di due anni per consentire il completamento delle attività di ricerca e il raggiungimento degli obiettivi scientifici.

Coronavirus, Zingaretti: "Il vaccino in grado di salvare vite adesso e in future"

“La firma di questo protocollo è di fondamentale importanza - dichiara il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti - Con le nostre eccellenze scientifiche e con gli 8 milioni di euro che mettiamo a disposizione della ricerca vogliamo rendere disponibile e accessibile alla popolazione italiana e mondiale un vaccino contro il Covid-19 che sarà in grado di salvare vite adesso e in futuro. L'obiettivo comune è mettere a sistema le competenze di ognuno con la finalità urgente e prioritaria di affrontare e risolvere la grave crisi epidemiologica. Oggi stiamo assistendo a un momento difficilissimo per la nostra nazione e tutti insieme stiamo facendo il massimo, con un impegno incredibile, per uscire vittoriosi da questa guerra. Ognuno di noi è chiamato a dare il proprio contributo, dal singolo cittadino alle Istituzioni, passando per quello straordinario esercito di specialisti della medicina, di volontari, e di lavoratori che non mollano e che sono il nostro vanto a livello mondiale. A tutti – conclude il governatore del Lazio - non va solo il più sentito e accorato ringraziamento, ma anche il sostegno che serve per progredire e fare fuori una volta per tutte questo maledetto virus. Uniti si vince”.

Nel Lazio in arrivo un milione di mascherine

Intanto oggi, 24 marzo, sono in distribuzione presso le strutture sanitarie 300mila mascherine chirurgiche, 31450 FFP2, 11300 tute idrorepellenti e 142mila guanti. Ad annunciarlo è l'assessorato alla Sanità: entro la settimane arriverà un carico da un milione. Effettuata la consegna di Coronavirus, in arrivo dalla Regione 12mila mascherine e 10mila guanti per la Asl di Latina
12mila mascherine e 10mila guanti alla Asl di Latina.
 "Si sta facendo uno sforzo senza precedenti - commenta l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato - per consentire agli operatori di lavorare in sicurezza. Oggi sono state consegnate 31.450 mascherine FFP2 e domani sono in consegna ulteriori 30 mila. Nel fine settimana aspettiamo un carico da 1 milione. Il Lazio è tra le Regioni italiane ad aver effettuato il maggior numero di tamponi in relazione ai casi di positività, circa 20 mila tamponi di cui in media il 20% al personale sanitario. Abbiamo adottato ieri le nuove direttive per la sorveglianza degli operatori sanitari, con l’indicazione di effettuare il test diagnostico su soggetti ad alto rischio a seguito della valutazione del rischio di esposizione secondo l’OMS. Sono state adottate tutte le massime misure consentite”.

Falia farcita per gli operatori sanitari del Goretti: la bella iniziativa da Priverno

Coronavirus Latina: un decesso e 46 contagiati

Anche il sindaco di Latina Damiano Coletta, nel suo ormai quotidiano messaggio ai cittadini ha detto che questa settimana sarà decisiva e che "dobbiamo prepararci alla battaglia". Proprio a Latina si è registrato ieri un primo decesso: si tratta di un dipendente dell'Inps che era risultato positivo e che da diversi giorni era ricoverato in Terapia intensiva al Goretti. Complessivamente sono 46 i pazienti positivi a Latina e i contagi sono cresciuti di cinque unità ogni giorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus Latina, controlli a tappeto 

Proseguono come ogni gioro i controlli a tappeto in città da parte della polizia locale. In un giorno verifiche su 347 persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento