Attualità

Coronavirus, nel Lazio 1243 nuovi contagi, 31 i decessi. In provincia oltre mille casi in una settimana

Gli aggiornamenti di oggi: nel territorio pontino curva in rialzo ma nessun decesso dopo settimane. Nel Lazio aumentano le terapie intensive mentre scendono i contagi

La settimana si chiude con 194 nuovi casi di coronavirus nella provincia di Latina: una settimana caratterizzata da un sali e scendi della curva che se da un lato ha toccato il picco di 256 contagi in 24 ore lo scorso mercoledì è arrivata anche a 100 ieri. In totale in questi sette giorni (dall'11 al 17 gennaio) sono stati 1195 i nuovi positivi riscontrati nel territorio pontino, con una media di casi giornalieri (circa 170) che è inferiore rispetto a quella di tutto il mese (oltre 200 casi). In totale a gennaio sono stati 3437 i contagi; 17981 da inizio pandemia.

Coronavirus latina: il bollettino del 17 gennaio

Coronavirus Latina: nessun decesso

Ma la buona notizia di oggi arriva dai decessi: per la prima volta dopo un mese nel bollettino quotidiano della Asl non ne vengono riportati di nuovi. Non accadeva dallo scorso 15 dicembre, mentre nelle settimane successive sono stati toccati anche picchi di 9 morti in sole 24 ore. I decessi legati al coronavirus nel mese di gennaio sono, quindi, sempre 45, 296 da inizio pandemia.

Coronavirus Lazio: oltre 1200 nuovi casi

In tutto il Lazio sono 1243 i nuovi casi, 39 in meno rispetto al dato di ieri (sono oltre 11mila i tamponi e oltre 12mila gli antigenici per un totale di oltre 23 mila test). I decessi nelle scorse 24 ore sono stati 21 (-15), 1088 i guariti. “Diminuiscono i casi, i decessi e i ricoveri - spiegano dall’Assessorato alla Sanità della Regione illustrando il bollettino di oggi -, mentre aumentano le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 11%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 5%”.

Coronavirus: i dati di oggi in tutta Italia

Coronavirus Lazio: i dati nelle singole province

Nella Capitale i contagi giornalieri superano quota 500 (sono 534), mentre nel resto della provincia di Roma il dato è di 366 casi. Nelle altre quattro province del Lazio sono stati invece 343 i nuovi positivi, 194 dei quali come detto registrati nel territorio pontino; nella provincia di Frosinone, poi sono stati 83, in quella di Viterbo 34 e in quella di Rieti 32.

Coronavirus Lazio: il bollettino del 17 gennaio

Sono quasi 190mila i contagiati totali in tutto il Lazio da inizio pandemia, quasi 108mila le persone che sono poi guarite, 4399 i decessi. Allo stato attuale i positivi sono 77510, 2766 i ricoveri (26 in meno rispetto a ieri), 296 le terapie intensive (10 in più rispetto a ieri).

coronavirus_lazio_bollettino_17_01_21-2

Scuole: riapertura in presenza per le superiori

Riapertura in presenza anche per le scuole superiori della provincia di Latina e del Lazio. Alla vigilia del rientro in classe lunedì 18 gennaio, l’assessore regionale al Lavoro, Scuola e Formazione Claudio Di Berardino ha rivolto i suoi auguri ai ragazzi ricordando quali sono state le azioni messe in campo dalla Regione per un rientro a scuola in sicurezza (qui i particolari). E proprio per domani il gruppo “Voce degli Studenti” di Latina ha invece annunciato uno sciopero: “Rientro in sicurezza o niente rientro” il loro grido (qui la notizia completa). 

Coronavirus Latina, in aumento i casi di tipo familiare

Il punto della situazione sull’aumento dei contagi registrati in particolare negli scorsi giorni, con link che sono stati soprattutto di tipo familiare e amicale, e sulla situazione all’ospedale Santa Maria Goretti è stato fatto nel corso di una diretta sulla pagina Facebook del Comune dal sindaco di Latina Damiano Coletta e dalla professoressa Miriam Lichtner, dirigente di Malattie Infettive. “Mentre tutti parlano della terza ondata, qui a Latina non abbiamo mai finito la seconda; e questa è la cosa più grave per la gestione dei pazienti. Il nostro ospedale da vari mesi si trova in una situazione di occupazione di circa 200 posti Covid fissi, che ha visto la riconversione di interi reparti e il coinvolgimento di medici che normalmente fanno altro. Stiamo parlando di un intero ospedale. La situazione è di continuativa emergenza. Dobbiamo assolutamente ridurre i contagi che sono stati tantissimi nelle ultime settimane. Tutti dobbiamo fare la nostra parte” ha detto la professoressa Lichtner con cui si è parlato anche di vaccini (qui la notizia completa).

Lazio e Latina in zona arancione

Da oggi il Lazio e la provincia pontina sono in zona arancione: misure più stringenti, come disposto dall’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza di venerdì, con i cittadini pontini che affronteranno così una nuova fase in parte conosciuta solo durante il periodo delle festività natalizie. Il Lazio, infatti, dall’inizio della suddivisione in fasce è sempre stato inserito tra le regioni in zona gialla (qui tutti i particolari sulle nuove misure).

Il punto sui vaccini

Secondo il dato aggiornato alle 20 e diffuso da Salute Lazio, sono quasi 106mila le dosi di vaccino somministrate dall’inizio della campagna in tutta la regione, 4160 solo nella giornata di oggi. Sono sempre le donne quelle ad essere state vaccinate in numero superiore (oltre 65mila) rispetto agli uomini (quasi 41mila). Nella provincia di Latina ad oggi sono state 5759 le dosi di vaccino inoculate.

Vaccini: dal primo febbraio sei settimane per gli ultraottantenni

Avviso pubblico della Regione rivolto ai medici di medicina generale, che saranno chiamati volontariamente ad aderire alla campagna di vaccinazione e a vaccinare a loro volta gli ultraottantenni. Il servizio, come annunciato dall'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D'Amato, partirà il primo febbraio e il tempo previsto è di sei settimane (i dettagli della notizia).

Coronavirus, le altre notizie

Coronacvirus: gli aggiornamenti da Nettuno

Latina, festa di compleanno in un circolo privato: locale multato

Formia, la storia della libraia malata di covid che regala libri ai medici delle corsie

Scuola, fake news sul posticipo della riapertura per le superiori 

Gli effetti della pandemia sui lavoratori: lo studio della Uil

L'appello dei sindacati al prefetto: "Ecco le priorità per riaprire la scuola in sicurezza"

L'infermiera sente piangere il paizente, si ferma e lo rassicura. Lo scato virale

Articolo aggiornato alle 20

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nel Lazio 1243 nuovi contagi, 31 i decessi. In provincia oltre mille casi in una settimana

LatinaToday è in caricamento