Attualità

Coronavirus, due contagi in più in provincia. Nel Lazio 9 nuovi casi, 8 sono di importazione

Il punto della situazione sulla base dei dati forniti da Asl di Latina e Assessorato regionale alla Sanità. Due positivi ad Aprilia e Castelforte; nel Lazio calano i ricoverati in terapia intensiva

Altri due nuovi casi di coronavirus in provinncia: questo il dato che emerge dal bollettino di oggi, giovedì 16 luglio, della Asl. Questi si aggiungono a quello di ieri accertato a San Felice Circeo facendo salire a 585 i contagi totali nel territorio pontino da inizio pandemia. I due nuovi positivi, entrambi trattati a domicilio, sono stati registrati nei territori di Aprilia (tra i comuni più colpiti negli utlimi 10 giorni con altri 5 casi) e di Castelforte.

Coronavirus: casi ad Aprilia e Castelforte

Aggiornamenti sono stati forniti dall’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio in merito ai due casi di oggi. Riguardano, viene spiegato, “un uomo indiano ad Aprilia per il quale è stata avviata l’indagine epidemiologica” e "una donna di 52 anni moldava di rientro dalla Moldavia e per la quale sono state avviate le procedure di contact tracing internazionale”.

Coronavirus Latina: tutti i numeri

Questo ad oggi il quadro generale nella provincia di Latina, dopo i dati diffusi dalla Asl: sono 585 i contagi totali da inizio pandemia, con un indice di prevalenza - vale a dire il numero di persone risultate positive per 10.000 abitanti - salito a 10,17; sono diminuiti gli attuali positivi scesi a 37, mentre sono 18 i pazienti ricoverati in ospedale. Tre guariti in più sono stati registrarti nelle ultime 24 ore che hanno fatto salire il totale a 512; stabili a 36 i decessi.

Coronavirus Lazio: 9 nuovi casi

Dopo giorni in doppia cifra, sono 9 oggi i nuovi casi di cui è stata data comunicazione nel Lazio dall’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. Di questi sono 8 quelli di importazione: 5 casi hanno un link con voli di rientro dal Bangladesh già attenzionati, un caso di rientro dall’India e due dalla Moldavia.

Il commento dell’assessore D’Amato

“Ci attendevamo questa riduzione dei casi per la grande attività di tracciamento che è stata fatta, ma non bisogna mai abbassare la guardia - ha commentato l’assessore D’Amato -. Per i casi degli ultimi giorni ci attendiamo una valutazione settimanale del valore RT ancora sopra l’1, mentre le terapie intensive scendono per la prima volta sotto i 10 casi (9). Si confermano come priorità le verifiche sui casi provenienti dai Paesi ad alto tasso di contagio”.

Coronavirus Lazio: i dati delle Asl del 16 luglio

Guardando nello specifico, nella Asl Roma 1 dei 5 casi odierni, 4 sono riferiti all’esito dei tamponi sulla comunità del Bangladesh richiamati al drive-in con link con voli internazionali da Dacca già attenzionati; un caso ha un link con un cluster familiare già noto e posto in isolamento. Nella Asl Roma 3 un solo caso nelle ultime 24h ed è riferito all’esito dei tamponi sulla comunità del Bangladesh richiamati al drive-in con link con voli internazionali da Dacca già attenzionati. Nella Asl Roma 6 un solo caso nelle ultime 24h e si tratta di un uomo moldavo per il quale è stata avviata l’indagine epidemiologica. Infine per quanto riguarda le province, Rieti si conferma per il nono giorno consecutivo Covid-Free, mentre Frosinone e Viterbo rimangono con un solo caso in isolamento ciascuno in attesa dell’esito negativo del test molecolare. Si registra un decesso e salgono i guariti che sono stati 56 nelle ultime 24h.

Coronavirus Lazio: il bollettino del 16 luglio

Ad oggi sono 8385 i contagi totali nel Lazio, 850 invece gli attuali positivi: di questi 666 sono in isolamento domiciliare, 175 sono ricoverati non in terapia intensiva e 9 in terapia intensiva. I guariti sono saliti a 6687, sono 848 i decessi.

Appello ai donatori di sangue

Sempre dall’assessore D’Amato arriva anche un “appello alla donazione di sangue: l’epidemia non può fermare le donazioni perché donare è sicuro ed è un gesto di generosità. Consente inoltre di fare gratuitamente il test sierologico". Riaprono dopo il lockdown anche gli Ambufest gli ambulatori del weekend, festivi e prefestivi dove è possibile effettuare anche visite pediatriche. 

Il sindaco di San Felice: “Il Covid non è sconfitto”

“Il covid19 non è sconfitto e deve restare alta l’attenzione sul territorio” ha detto il sindaco di San Felice Circeo Giuseppe Schiboni dopo la notizia del nuovo contagio in città comunicato ieri e che riguarda una ragazza di 17 anni di rientro dal Messico. Un’altra quindicina di persone sono state poste in quarantena. Il sindaco ha quindi richiamato alla responsabilità cittadini e turisti: “ciò che accade ogni fine settimana non riuscirebbe a fronteggiarlo neanche un comune con cento agenti di Polizia Locale proprio per la leggerezza che incontro nelle strade e nei punti di svago e divertimento” ha detto (qui la notizia).

Assessore D’Amato: Si abbassa l’età media dei contagi”

“Assistiamo ad un abbassamento dell’età media dei contagi e questo è un segnale preoccupante soprattutto per i più giovani che rischiano di contagiarsi per il non rispetto delle regole minime” ha commentato l’assessore Alessio D’Amato. Parole che sono arrivate 24 ore dopo l’appello del direttore sanitario dell’Istituto Spallanzani di Roma Francesco Vaia ai giovani. “Dimostrate di essere la parte migliore di questa società, mai più assembramenti, vi prego - ha detto loro -. Guidate in prima linea questa 'guerra'. Fate attenzione a come si stanno formando i nuovi contagi, proteggete i vostri genitori ed i vostri nonni con un atteggiamento di responsabilità”.

Coronavirus Lazio: 190mila test sierologici

Quasi 190mila test sierologici sono stati eseguiti nei primi due mesi di attività. A fare un bilancio è l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio che ha diffuso i nuovi dati aggiornati. Grazie ai test è stato possibile rilevare una circolazione del virus pari al 2,3%; individuati 407 positivi al tampone, asintomatici (qui la notizia).

Articolo in aggiornamento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, due contagi in più in provincia. Nel Lazio 9 nuovi casi, 8 sono di importazione

LatinaToday è in caricamento