Attualità

Coronavirus, nel Lazio 1311 nuovi casi e 31 decessi. Tutti i dati del 22 aprile

Il punto sulla base dei dati forniti da Asl di Latina e della Regione. Nel territorio pontino sono 141 i nuovi contagi oggi, ma è boom di guariti

Sono 141 i nuovi casi di coronavirus in provincia di Latina, due i decessi e 213 i guariti. Questi alcuni dei numeri che sono contenuti nell’ultimo bollettino che nel pomeriggio di oggi, giovedì 22 aprile, è stato diffuso dalla Asl. Salgono così a 3182 i contagi totali nel territorio ad aprile, con una media di 144 ogni giorno; il dato resta poco più alto di quello del mese scorso se si pensa che a marzo, tenendo in considerazione lo stesso arco temporale, i positivi erano stati 3093, con una media di 140 giornalieri. 

Analizzando il bollettino, circa un terzo dei nuovi casi di oggi, accertati in 17 diversi centri della provincia, sono concentrati tra Latina (30) ed Aprilia (27); 13 quelli invece a Cisterna. Per gli altri comuni registrata una crescita ad una cifra. 

Coronavirus Latina: il bollettino del 22 aprile 

Coronavirus Latina: si aggrava il bilancio dei decessi

Dopo un inizio di settimana in cui non sono stati registrati decessi, si aggrava ulteriormente il bilancio. Con il report giornaliero di oggi la Asl ha dato la notizia di altri due morti, lo stesso numero di ieri; si tratta di pazienti che erano residenti ad Aprilia e Sonnino, che piange la seconda vittima in 48 ore. Nel mese di aprile sono 43 le persone che risultate positive al Covid-19 non ce l’hanno fatta, 504 i decessi di pazienti residenti nella provincia di Latina dall’inizio della pandemia. 

Il punto sui ricoveri

La buona notizia arriva oggi, invece, dai ricoveri, solo 2 nelle scorse 24 ore nel territorio pontino che si aggiungono però ai 44 degli altri tre giorni della settimana. Estendendo lo sguardo all'intera regione, il numero dei ricoverati, come aggiornano dall'Assessorato alla Sanità, risulta ancora in calo e si attesta sui 2578 (ieri erano 2657) mentre le terapie intensive occupate, allo stato attuale, sono 338. Secondo i dati riportati nel portale di Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali), e aggiornati al 22 aprile, i posti letto occupati nelle terapie intensive sono sono saliti di un punto percentuale al 36% (la soglia indicata dal Ministero della Salute è al 30%), mentre in calo sono quelli occupati nelle aree non critiche scesi al 40% (la soglia è è proprio al 40%).

Coronavirus Lazio: 1300 nuovi casi 

Sono 1311 i nuovi casi in tutto il Lazio a fronte di oltre 34mila test di cui una metà molecolari e un’altra metà antigenici. Il rapporto tra positivi e tamponi, come riporta il bollettino dell’Assessorato alla Sanità della Regione, è al 7%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende al 3%. Nelle scorse 24 ore, poi, sono stati registrati 31 decessi e 1163 guariti. 

Coronavirus Lazio: Rt in calo. L’analisi di tutti i dati 

Coronavirus Lazio: il bollettino del 22 aprile 

Guardando il dato a livello locale, nella Capitale nella scorse 24 ore sono stati registrati 621 contagi a cui si aggiungono i 406 del resto della provincia di Roma; nelle altre quattro province i nuovi positivi sono stati 248, di cui 141 appunto nel territorio pontino, altri 74 nella provincia di Forsinone, 37 in quella di Viterbo e 32 in quella di Rieti. Restano sotto la soglia dei 50mila gli attuali positvi in tutta la regione che da inizio pandemia ha contato quasi 315mila contagi; sono circa 260mila le persone poi guarite, 7445 i deceduti. 

coronavirus_lazio_bollettino_22_04_21-2

Nuovo decreto "Riaperture"

Prime riaperture dal 26 aprile giorno in cui tornano le zone gialle. E’ stato approvato ieri dal Consiglio dei Ministri il decreto legge “Riaperture” in cui sono contenute le nuove misure per il contrasto alla diffusione del coronavirus che saranno in vigore nelle prossime settimana quando si prevede anche una graduale ripresa delle attività economiche e sociali. Si potrà tornare a mangiare fuori, nelle zone gialle, ma solo all’aperto, mentre tra le novità principali vi è l’introduzione delle certificazioni verdi per gli spostamenti; il coprifuoco resta alle 22 e vengono disposte nuove regole per le visite ad amici e parenti; scandito il calendario delle riaperture con le disposizioni previste anche per gli spettacoli e gli eventi sportivi (qui la notizia). 

L'aggiornamento sulle scuole e i dati settimanali

Resta sempre alta l'attenzione sulle scuole della provincia interessate dai contagi di covid. La Asl ha fornito un quadro dei casi nelle ultime quattro settimane. Secondo i dati aggiornati al 20 aprile, si contano complessivamente 41 classi in quarantena appartenenti a diversi istituti del territorio, 78 studenti positivi e 13 docenti. Ma l'andamento dei contagi analizzato per settimana, dal 24 marzo al 20 aprile, mostra una chiara tendenza all'aumento dei casi, con una crescita preoccupante tra gli studenti con meno di 14 anni (qui tutti i dettagli). Riportati anche i numeri generali registrati in provincia nell'ultima settimana, compresa tra il 14 e il 20 aprile: 933 i cittadini positivi e una curva giornaliera più o meno stabile oltre quota 150. Nello stesso arco temporale di riferimento, un totale di 11 decessi ma tre giornate in cui sono state registrate vittime del covid.

Il punto sui vaccini

E' arrivato a quota 1.640.477 il numero delle vaccinazioni effettuate in tutto il Lazio dall’inizio della campagna; sono invece quasi 500mila le persone che, secondo il dato aggiornato da Salute Lazio alle 19 di oggi, hanno ricevuto tutte e due le dosi. Più di 111mila, invece, le somministrazioni del siero anti-Covid nella provincia di Latina e sono quasi 33mila coloro che hanno fatto anche il richiamo.

Oltre 130mila somministrazioni da parte dei medici di base del Lazio

I medici di medicina generale della regione hanno somministrato oltre 130mila dosi di vaccino anti Covid e, come puntualizza la Regione, "sono un perno essenziale ed insostituibile di questa campagna vaccinale". "Con i nuovi arrivi dei vaccini aumenteremo le forniture a loro disposizione per somministrarle ai loro assistiti in maniera coerente con il piano vaccinale. Ai medici di medicina generale va un sincero ringraziamento per tutta l’attività che stanno svolgendo. Il ruolo del medico di famiglia è indispensabile, soprattutto per il rapporto che loro hanno con gli assistiti e nel indicare in maniera appropriata l’uso del vaccino".

Coronavirus, le altre notizie

Coronavirus Sabaudia: contagi nella comunità indiana

Vaccini a Fondi: nuova tensostruttura all'ospedale

La direttrice della Asl: 174 posti letto covi al Goretti

Controlli anti-Covid: donna positiva sorpresa in giro con i figli

Screening sulla polizia locale di Fondi: tutti negativi i tamponi

Campagna vaccinale a Latina: raddoppiano le dosi di Astrazeneca

Articolo aggiornato alle 17.08

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nel Lazio 1311 nuovi casi e 31 decessi. Tutti i dati del 22 aprile

LatinaToday è in caricamento