rotate-mobile
Attualità

Vaccini, anche in provincia si parte con Astrazeneca il 15 febbraio per i medici liberi professionisti

Due al momento i centri individuati dalla Asl: l'ospedale di Terracina e il centro sociale di via Vittorio Veneto a Latina. Dopo i medici forze armate e scuola

Sono iniziate ieri a Roma le prime somministrazioni con il siero Astrazeneca, somministrate a 419 persone. Il vaccino sarà destinato in prima battuta al personale sanitario, medici libero professionisti e farmacisti, under 55, che avevano manifestato la volontà di ricevere il siero ed erano rimasti esclusi a causa della carenza delle dosi del siero Pfizer. Le operazioni partiranno lunedì 15 febbraio anche in provincia di Latina, con due centri vaccinali individuati all'ospedale di Terracina e presso il centro sociale di via Vittorio Veneto a Latina.

Una volta terminate le somministrazioni al personale medico si comincerà con le categorie individuate dal ministero: forze dell'ordine e forze armate, poi il carcere, gli operatori di servizi essenziali e il personale docente e non docente di scuole e università. Infine, il resto della popolazione. Il punto è stato fatto anche dall'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato: “Siamo ancora nella fase uno – ha spiegato - che è rivolta a operatori sanitari, ospiti e operatori delle Rsa e over 80. E’ iniziata la campagna delle persone più anziane e sono più di 40mila le somministrazioni già effettuate, pari 10% della popolazione over 80 della regione. I vaccini agli over 80 proseguiranno per tutto febbraio e marzo, mentre nelle province stanno iniziando le somministrazioni con Astrazeneca rivolte intanto a medici liberi professionisti. Andremo poi alla fase successiva, che interesserà la fascia 18-55 anni, con priorità al mondo della scuola e alle forze dell’ordine e intanto abbiamo chiesto a tutti gli ordini professionali di mettere a disposizione gli elenchi di chi desidera ricevere il vaccino. Una volta conclusi invece gli over 80 con il siero Pfizer e Moderna, ci rivolgeremo alle persone con fragilità e successivamente alla fascia over 70 seguendo le modalità di prenotazione online”. 

“Tutto dipende però dalla disponibilità di dosi che ci vengono fornite – aggiunge D’Amato - Potremmo vaccinare molto di più se avessimo più dosi, Abbiamo chiesto al Governo di fare uno sforzo ulteriore, perché il fattore tempo è fondamentale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, anche in provincia si parte con Astrazeneca il 15 febbraio per i medici liberi professionisti

LatinaToday è in caricamento