Attualità

Coronavirus, la Asl pronta per i vaccini: si parte il 15 gennaio

La prima somministrazione, su indicazione del ministero, sarà per operatori sanitari anziani delle Rsa e case di riposo. Acquistati i super surgelatori

Anche la Asl di Latina si prepara alla somministrazione dei vaccini anti covid. Si parte il 15 gennaio, quando in provincia arriveranno circa 17mila dosi che copriranno la somministrazione delle due dosi alla prima fascia di popolazione indicata dal ministero: personale sanitario delle strutture pubbliche e private e anziani ospiti delle Rsa e case di riposo. La somministrazione dunque sarà graduale e interesserà in prima battuta le categorie più esposte al virus, come appunto il personale sanitario, e quelle più fragili come gli anziani.

I primi vaccini ad arrivare in provincia e su tutto il territorio nazionale saranno quelli di Pfizer e l'azienda sanitaria pontina, come annunciato nei giorni scorsi dal direttore generale Giorgio Casati, ha già acquistato i super surgelatori necessari a stoccare le dosi mantenendo il siero a una temperatura di meno 70 gradi. In provincia ce ne saranno tre: due collocati a Latina, a disposizione dell'ospedale Goretti che avrà le funzione di hub, un altro al Dono Svizzero di Formia.

Le prime somministrazioni agli operatori sanitari avverranno proprio nei due ospedali di riferimento, mentre per gli ospiti di Rsa e case alloggio saranno utilizzate unità territoriali mobili che raggiungeranno i pazienti. L'obiettivo è completare la prima fase, con le due dosi somministrate a distanza di un mese, entro la metà di marzo e procedere poi con le altre fasce di popolazione che indicherà il ministero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la Asl pronta per i vaccini: si parte il 15 gennaio

LatinaToday è in caricamento