rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Attualità

Coronavirus, i contagi rallentano la corsa nel Lazio. Ma gli attuali positivi sono più di 200mila

Il punto della situazione nell’ultima settimana in cui ci sono stati quasi 65mila contagi; stabile l'Rt a 1.24. I ricoverati tra il 10 e il 16 luglio sono stati circa 200 in più

Quella che si sta per chiudere è stata la settimana in cui nel Lazio la corsa dei contagi da coronavirus ha iniziato a rallentare. Nel periodo compreso tra il 10 e il 16 luglio i positivi totali sono stati 64.775, con una media giornaliera che scende sotto il muro dei 10mila. Secondo i dati resi noti dall’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato (ma aggiornati al 14 luglio), è però cresciuta l’incidenza arrivando a 1.315 casi su 100mila abitanti mentre la scorsa settimana era di 1.175; rimane stabile a 1.24 il valore Rt. 

I dati nel Lazio 

Facendo parlare i numeri, come detto, nel periodo preso in considerazione i contagi sono stati quasi 65mila, e secondo l’ultimo bollettino diffuso ieri dalla Regione gli attuali positivi sono 218.965, in aumento di circa 25mila in sette giorni. Di questi 1.088 sono ricoverati nei vari ospedali del Lazio di cui 1.014 nei reparti ordinari e 74 nelle terapie intensive: in una settimana si registrano 200 positivi in più nei reparti di area non critica e 9 pazienti gravi in più. Secondo i dati aggiornati al 15 luglio del portale Agenas, poi, l’occupazione dei posti letto nei reparti di area non critica nel Lazio è al 16%, mentre è all’8% quella nelle terapie intensive. I decessi nel periodo considerato sono stati 62. 

La campagna vaccinale 

Ma la settimana appena trascorsa è stata anche quella dell’avvio della somministrazioni della quarta dose del vaccino agli over 60 e a tutti i fragili. Le prenotazioni sono state aperte il 13 luglio e a seguire le inoculazioni. Buona la risposta nel Lazio, e l’assessore D’Amato è tornato a ribadire l’importanza della vaccinazione, anche e soprattutto in questa fase della pandemia in cui la curva dei contagi ha conosciuto alti picchi. “Non esistono vaccini vecchi e nuovi, esiste il vaccino ed è importante che venga fatto in questa fase” ha ribadito D’Amato intervenendo a RaiNews. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, i contagi rallentano la corsa nel Lazio. Ma gli attuali positivi sono più di 200mila

LatinaToday è in caricamento