Coronavirus, D’Amato: “Giro di vite sulle Rsa”. L’ordinanza della Regione Lazio

Il nuovo provvedimento prevede controlli in entrata e in uscita a tutto il personale, misurazioni di temperature e ossigeno. Stop anche ad operatori itineranti

E’ alta l’attenzione in tutto il Lazio per la diffusione dei contagi da coronavirus nelle Rsa. Quello che ha annunciato oggi l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato è un vero e proprio “giro di vite”. In merito è stata pubblicata nelle scorso ore un’ordinanza dalla Regione Lazio che riguarda proprio le strutture residenziali e semiresidenziali sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, e con cui vengono indicate le nuove regole da seguire. 

“Nello specifico - spiega proprio l’assessore D’Amato - il personale operante nelle strutture territoriali sanitarie, sociosanitarie e socio assistenziali deve svolgere la propria attività lavorativa esclusivamente all’interno di una singola struttura o, qualora la struttura sia dotata di più stabilimenti, esclusivamente all’interno del medesimo stabilimento”. 

Inoltre, tutte le strutture “devono garantire per tutto il personale i controlli in entrata e in uscita della temperatura e in caso di temperatura superiore a 37,5 C° si dovrà provvedere alla misurazione della saturazione di ossigeno e tutti questi parametri devono essere annotati giornalmente. Le direzioni sanitarie e i responsabili sanitari delle strutture accreditate devono inviare alla Asl territorialmente competente la dichiarazione sostitutiva di atto notorio dell’avvenuta attuazione di tutte le misure indicate”. 

Dal canto loro le Asl, conclude D’Amato illustrando i punto cardine dell’ordinanza, “devono continuare a effettuare sopralluoghi presso le strutture e compilare per ciascuna struttura una check-list per la valutazione delle situazioni ambientali degli ospiti”. Finora sono state effettuate 365 ispezioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Arma dei Carabinieri, 28 Marescialli della provincia promossi al grado di Luogotenente

Torna su
LatinaToday è in caricamento