Coronavirus, medici e infermieri in prima linea: Sabaudia consegna loro il Premio Duna d’Oro

La cerimonia nell’ambito dell’edizione 2020 di "Sabaudia Studios". Il sindaco Gervasi: “A loro va il plauso e l’abbraccio della città”

Sono state tra le figure più messe a dura prova dall’emergenza coronavirus, anche nella provincia pontina. Sono i medici e gli infermieri che hanno dovuto tener costantemente fede al loro giuramento, dedicandosi a ciclo continuo alla lotta al virus senza badare ad orari di lavoro e vita privata. Sono stati e sono ancora oggi veri eroi moderni, dimostrando quotidianamente non solo grande professionalità ma prima di tutto una infinita forza di volontà e tanto altruismo.

Per ringraziare tutti loro per l’importante lavoro svolto, la città di Sabaudia ha voluto consegnare il Premio Duna d’Oro all’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri e all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Latina, rappresentati rispettivamente dalla vicepresidente Rita Salvatori e dalla presidente Nancy Piccaro. E lo ha fatto nell’ambito dell’edizione 2020 di "Sabaudia Studios", il Festival del Cinema Italiano che si è concluso lo scorso giovedì 13 agosto e che ha voluto in più serate puntare i riflettori sull’indispensabile lavoro portato avanti da medici, infermieri e operatori sanitari.

A premiare, in rappresentanza del sindaco Giada Gervasi e dell’intera comunità di Sabaudia, il presidente del Consiglio comunale Gianluca Bonetti e l’assessore alle Attività Produttive Emanuela Palmisani. 

“Il Premio Duna d’Oro, che nasce come ringraziamento ai professionisti del cinema italiano per la loro attività e per la presenza al Festival, in questa nuova edizione della kermesse ha assunto un ruolo particolare, così come altrettanto particolare, se non unica, è stata la decisione di unire all’intrattenimento tipico di una rassegna cinematografica la volontà di dedicare l’attenzione a chi ogni giorno ha combattuto contro un virus spietato e ingordo che ci ha gettato nell’isolamento sociale, strappando molte persone all’affetto dei propri cari – ha commentato il sindaco Gervasi – Abbiamo quindi voluto rendere omaggio a loro in un contesto diverso dal solito, portando ‘allo scoperto’ le loro vite quotidiane, di medici e infermieri ma anche di cultori o semplici appassionati di cinema, continuando al contempo quella imprescindibile opera di sensibilizzazione di cittadini e turisti in ordine alle necessarie misure di contrasto e contenimento dei contagi da Covid-19, rinnovando l’invito a non abbassare la guardia e ad adottare quei piccoli comportamenti oramai entrati prepotentemente nella nostra quotidianità. A tutti i medici e agli infermieri il plauso e l’abbraccio della città di Sabaudia, che possano giungere forti ed essere da incoraggiamento a proseguire nella loro attività a tutela della salute di tutti noi”.

L’Amministrazione comunale ringrazia la You Marketing, produttore esecutivo del Festival, per la sensibilità dimostrata e per il lavoro svolto nell’assicurare il rispetto delle necessarie prescrizioni anti-Covid per tutta la durata della kermesse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Arma dei Carabinieri, 28 Marescialli della provincia promossi al grado di Luogotenente

Torna su
LatinaToday è in caricamento