rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Emergenza Covid-19

Coronavirus e scuole: nuove regole per la gestione dei casi positivi in classe. Cosa cambia

Le disposizioni introdotte con l’ultimo decreto approvato dal Consiglio dei Ministri il 5 gennaio. Le regole variano a seconda del grado, dalla scuola dell’infanzia fino alle superiori

Cambiano ancora le regole per la scuola per la gestione dei casi di positività al coronavirus. Con l’ultimo decreto approvato ieri, mercoledì 5 gennaio, dal Consiglio dei Ministri, infatti, sono state introdotte le nuove disposizioni che dovranno essere applicate anche negli istituti della provincia di Latina nei casi i cui si dovessero registrare dei contagi all’interno delle classi. Disposizioni che variano a seconda del grado, dalla scuola dell'infanzia e fino alle superiori. Ma andiamo con ordine.

Scuola dell’infanzia

Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, e quindi i bambini più piccoli che non sono vaccinati, già in presenza di un caso di positività è prevista la sospensione delle attività per una durata di dieci giorni.

Scuola elementare

Cambiano invece le regole nel caso in cui si registrano contagi nelle scuole elementari. Con un caso di positività, spiegano dal Governo, si attiva la sorveglianza con testing. L’attività in classe prosegue effettuando un test antigenico rapido o molecolare appena si viene a conoscenza del caso di positività (T0), con il test che sarà ripetuto anche dopo cinque giorni (T5). In presenza di due o più positivi è prevista per la classe in cui si verificano i casi la didattica a distanza per la durata di dieci giorni.

Scuola media e scuole superiori

Regole ancora diverse sono previste invece per le scuole medie di primo e secondo grado. Fino a un caso di positività nella stessa classe è prevista l’auto-sorveglianza e con l’uso, in aula, delle mascherine FFP2. Con due casi nella stessa classe è prevista la didattica digitale integrata per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, che sono guariti da più di 120 giorni, che non hanno avuto la dose di richiamo. Per tutti gli altri, è prevista la prosecuzione delle attività in presenza con l’auto-sorveglianza e l’utilizzo di mascherine FFP2 in classe. Con tre casi nella stessa classe è prevista la dad per dieci giorni.

Obbligo vaccinale, Green Pass e smart working: tutte le novità

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e scuole: nuove regole per la gestione dei casi positivi in classe. Cosa cambia

LatinaToday è in caricamento