Coronavirus, l'ex assessore di Sermoneta Mauro Battisti: "Ho visto la paura negli occhi dei pazienti"

E' tornato a casa, ora negativo ai tamponi. E ha deciso di raccontare la sua esperienza sul suo profilo Facebook

E' ufficialmente negativo ai tamponi e ha potuto finalmente fare ritorno a casa. L'ex assessore ai Lavori pubblici del Comune di Sermoneta Mauro Battisti ha deciso di raccontare la sua esperienza di malato di covid sul suo profilo Facebook, ringraziando prima di tutto medici e infermieri che lo hanno assistito e il suo medico di base Francesco Aiuti. 

"Dal pronto soccorso al reparto covid - racconta - ho visto persone con lacrime per mancanza di ossigeno nei polmoni, ho visto la paura negli occhi di tanti pazienti ma anche di tanti infermieri e operatori che cercano di tutelarsi. Mi è mancata l'aria, sono rimasto senza ossigeno solo per andare in bagno, non riuscivo a parlare, respiro corto e apnea, febbre a 39,6 e 20 giorni con ossigeno, 24 ore su 24, dormire a pancia in giù per respirare. Adesso valutate voi. Grazie a tutti per la vicinanza che avete fatto sentire, a me e a tutta la mia famiglia".

Il post su Facebook è accompagnato da una lunga serie di scatti fotografici fatti da lui stesso all'interno del reparto: l'ossigeno, il saturimetro, infermieri e medici che assistono i pazienti nella stanza dell'ospedale. Un incubo che è finito e che l'ax assessore ha deciso di raccontare per testimoniare cosa accade in un reparto covid.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

Torna su
LatinaToday è in caricamento