Attualità

Coronavirus, il deputato Trano: “Sui treni regionali non c’è distanziamento”

La segnalazione dopo aver viaggiato su uno dei convogli regionali diretti a Roma: “Così ci faremo assai male”

Sui treni regionali non c’è distanziamento”: a parlare il deputato pontino e membro della Commissione finanze alla Camera Raffaele Trano che attraverso una nota afferma di aver “notato con sconcerto l'assenza del necessario distanziamento sociale” viaggiando su “uno dei regionali diretti a Roma”.

“Mentre i trasporti pubblici vengono indicati come uno dei principali problemi per la diffusione del virus e con l'ultimo Dpcm si è tornati a imporre di far viaggiare i mezzi al 50% della loro capienza, sul treno ho notato un vero e proprio assembramento. Ma il vero sconcerto - dichiara il deputato pontino - l’ho avuto dopo essermi confrontato con le relazioni istituzionali di Trenitalia. Ho appreso infatti che sui regionali, quei convogli su cui quotidianamente salgono centinaia di pendolari, studenti e lavoratori, è stato fissato il limite del 50%, ma senza distanziamento. In pratica, seguendo la logica di Trenitalia, a differenza di quanto avvenuto all'inizio della pandemia, si possono anche occupare quattro posti attaccati l'uno all'altro, purché poi vengano lasciati liberi i quattro successivi. E sempre secondo Trenitalia un capotreno dovrebbe da solo essere in grado di controllare tutte le carrozze e impedire l'accesso ad altri passeggeri una volta raggiunta la capienza massima.

Così è una presa in giro, ma soprattutto così ci faremo assai male - prosegue Trano -. Nell'attesa di altre corse e di aumentare il numero delle carrozze, temo che in tali condizioni il rischio di contagi sui regionali sia elevatissimo e in tal modo che sia altrettanto elevato il rischio di arrivare in fretta a un nuovo lockdown, con le conseguenze disastrose che comporterebbe da un punto di vista economico. Salvaguardare la salute dei viaggiatori è un obbligo e lo è ancor di più considerando che chi viene colpito dal virus finisce per contagiare familiari fragili, perché malati o anziani, mettendoli in pericolo di vita. Occorre invertire rotta e farlo senza perdere neppure un attimo di tempo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il deputato Trano: “Sui treni regionali non c’è distanziamento”

LatinaToday è in caricamento