Attualità

Vaccini Pfizer trasferiti al centro anziani di Latina: inaugurata una nuova ala

La direttrice della Asl Silvia Cavalli: "La struttura ci consente maggiore flessibilità nelle somministrazioni, anche per i cittadini non idonei ad Astrazeneca"

Apre una nuova ala del centro vaccinale di via Vittorio Veneto, a Latina, che da lunedì 12 aprile è disponibile per le somministrazioni del vaccino Pfizer. Oggi l’inaugurazione alla presenza della direttrice della Asl Silvia Cavalli, del prefetto Maurizio Falco, del sindaco Damiano Coletta e del responsabile della campagna vaccinale in provincia Loreto Bevilacqua, insieme ai vertici delle forze dell’ordine.

Decine i cittadini, quasi tutti over 80, che hanno ricevuto la dose di siero durante la visita delle autorità. Un’organizzazione perfetta, senza file e assembramenti e rispettando il dovuto distanziamento sia all’esterno che all’interno dei due locali nei tempi di attesa dopo la somministrazione.

“Questo centro – ha spiegato la direttrice Cavalli – da lunedì 12 è diventato un centro vaccinale per Pfizer, per cui abbiamo un quantitativo piuttosto rilevante al livello nazionale. Proprio per questo motivo è stato collocato in questa struttura che ha due stanze vaccinali di ampie dimensioni. Questo consente sia un incremento con le prenotazioni ordinarie, ma anche la possibilità di fare attività di recupero su particolari situazioni che riguardano ad esempio i cittadini non idonei alla vaccinazione Astrazeneca che devono optare per Pfizer e per i quali cerchiamo di garantire la somministrazione nella stessa giornata di prenotazione o particolari categorie che via via si sommeranno. Ci permette quindi un livello di flessibilità che in una campagna vaccinale così massiva è molto importante. Siamo contenti di questa struttura perché appartiene al territorio e alla società civile e l’occasione della vaccinazione nei luoghi di vita per noi è un elemento fondamentale che rappresenta la cifra di questa campagna”.

La direttrice Asl Silvia Cavalli: "La nuova struttura ci consente flessibilità"

La direttrice generale della Asl ha poi annunciato altre iniziative che sono tuttora al vaglio e che verranno comunicate nei prossimi giorni, quando ci sarà un’evidenza più chiara di quali saranno gli arrivi dei vaccini. “Come sapete – ha aggiunto – c’è stato un momento di arresto sull’utilizzo di Johnson & Johnson, bloccato dall’azienda a Pratica di Mare.. Speriamo che su questa cosa arrivi presto chiarezza. La nostra programmazione si deve calibrare di continuo sulla base degli arrivi”.

Un ultimo accenno infine ai ricoveri per covid, la manager Silvia Cavalli ha aggiunto che negli ultimi giorni la situazione si è “normalizzata”. “Ma questo non significa – ha specificato – che siamo fuori dall’emergenza, abbiamo bisogno che per più giorni si realizzino condizioni di diminuzione sui positivi. E’ tipico della pandemia avere questo andamento, con picchi in alto e picchi in basso, però se andiamo ad analizzare questa settimana la media si è abbassata. Un dato positivo che, se si confermerà nei prossimi giorni, ci fa ben sperare”. All’interno della tensostruttura esterna dell’ospedale Goretti sono già stati collocati saltuariamente in questi giorni alcuni pazienti covid meno gravi arrivati in ambulanza”.

Troppi assembramenti nel fine settimana, il sindaco: "Valuteremo restrizioni" - Il video 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini Pfizer trasferiti al centro anziani di Latina: inaugurata una nuova ala

LatinaToday è in caricamento