Daniele Nardi: una passeggiata fin sulla vetta del Semprevisa in ricordo dell’alpinista

L’iniziativa il 31 marzo: si parte da Bassiano per arrivare sul Semprevisa che in quell’occasione verrà rinominata “Cima Nardi”. Poi verrà svelata una roccia scolpita in memoria dell’alpinista

Una passeggiata sul monte Semprevisa in ricordo di Daniele Nardi. E’ una delle iniziative in programma per l’alpinista originario di Sezze  scomparso sul Nanga Parbat mentre stava tentando la scalata in inverno all’8mila pakistano, percorrendo la via dello Sperone Mummery. 

L’iniziativa, organizzata da Go Trek, è in programma per domenica 31 marzo; “si camminerà in ricordo di Daniele Nardi e noi tutti ci saremo. Percorreremo il ‘Sentiero Nardi’ dove Daniele era solito allenarsi” si legge nell’evento su Facebook.

Il raduno è previsto alle 8.30 e la partenza da Bassiano; si passerà poi per Le Cornette, Fonte Sant'Angelo, Campo Rosello, Schiazzo Paolone per arrivare sul Semprevisa che in quell’occasione verrà rinominata “Cima Nardi”. Alle ore 14, secondo il programma della mattinata verrà svelata dai familiari e dalle autorità una roccia scolpita in memoria dell’alpinista. “La nostra sarà un'escursione in ricordo di Daniele con raccolta fondi che verranno recapitati alla famiglia Nardi per contribuire alle iniziative che Daniele aveva intrapreso”. 

Una passeggiata per Daniele Nardi

passeggiata_nardi-2

Un’altra iniziativa è in programma per la serata di sabato 23 marzo a Sezze, città che ha dato i natali a Daniele Nardi. Organizzata dal Coordinamento associazioni setine è dedicata volte che all’alpinista setino anche Tom Ballard, il compagno di spedizione di Nardi sul Nanga Parbat e anche lui tragicamente scomparso. Sarà una lunga fiaccolata con partenza alle 21 dall'Anfiteatro di Sezze, per poi raggiungere la palestra dell'arrampicata presso il centro sociale Calabresi dove verrà proiettato un video sull'attività dell'alpinista comparso. 

Daniele Nardi: lutto cittadino il 15 marzo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento