Parlare di obesità attraverso il cinema: a Latina torna il festival “Filmdipeso”

Presentata la terza edizione della rassegna che affronta le grandi tematiche sociali e sanitarie legate ai disturbi del comportamento alimentare per sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni. Il festival il 5 e 6 aprile a Latina

Torna anche quest’anno, per il terzo anno, lo Short Film Festival “Filmdipeso”, la rassegna che attraverso il linguaggio cinematografico affronta le grandi tematiche sociali e sanitarie legate all’obesità e ai disturbi del comportamento alimentare per sensibilizzare opinione pubblica e Istituzioni rispetto a queste malattie e creare consapevolezza. 

Venerdì 5 e sabato 6 aprile ancora una volta la città di Latina sarà il palcoscenico di “Filmdipeso” promosso dal Bariatric Center of Excellence della Sapienza Università di Roma Polo Pontino e dal Comune di Latina in collaborazione con Amici Obesi onlus, AILO (Associazione Italiana Lotta all’Obesità) e Villa Miralago – Centro di riferimento disturbi alimentari, con il sostegno non condizionante di Johnson&Johnson Medical SpA e Novo Nordisk.

Questa mattina c’è stata la presentazione della manifestazione che vedrà come protagonista indiscusso il cortometraggio attraverso il cui linguaggio breve e immediato, talvolta ironico e pungente, rappresenta il medium narrativo più efficace nel trattare temi scientifici di interesse sociale e attuali come l’obesità e i disturbi alimentari, considerati l’epidemia non infettiva di più vaste proporzioni del terzo millennio.

“Filmdipeso” sta diventando grazie alla passione e all’impegno degli organizzatori e all’attenzione per la qualità delle opere e dei contenuti, un fiore all’occhiello per la città di Latina oltre che punto di riferimento per gli addetti ai lavori e promette di entrare nel contesto nazionale ed internazionale con uno spazio sempre più importante.

L’obesità è un fattore di rischio importante per tante patologie, ma purtroppo ancora non del tutto conosciuto – dichiara il sindaco di Latina Damiano Coletta –. Bisogna creare la cultura della consapevolezza sapendo informare nella maniera giusta soprattutto le giovani generazioni. E il Festival “Filmdipeso” è una maniera giusta che sta diventando tradizione”. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la prevalenza dell’obesità a livello globale è più che raddoppiata dal 1980 ad oggi; il fenomeno è in forte crescita e interessa sempre più anche le fasce giovani della popolazione. L’Italia è sul podio con una delle prevalenze più alte di obesità e sovrappeso rispetto al resto d’Europa, seppure con segnali di tiepida deflessione. Un terzo degli adulti (35,3%) è sovrappeso, 1 su 10 è obeso. Il 45,1% dei ragazzi ha problemi di sovrappeso/obesità. Il Lazio è in terza posizione con il maggior numero di individui in eccesso ponderale o obesi, condizione cui si associa nella maggior parte dei casi un diabete di tipo 2. È necessaria un’alleanza tra Istituzioni pubbliche e società scientifiche per aumentare il livello di consapevolezza nei cittadini rispetto all’obesità e ai disturbi alimentari, che sono vere e proprie malattie croniche da non sottovalutare.

Lo Short Film Festival “Filmdipeso”

“Per l’edizione 2019 dello Short Film Festival ‘Filmdipeso’ abbiamo coinvolto, oltre alle scuole secondarie, gli studenti del Corso di Medicina e Chirurgia, i futuri medici – dichiara Gianfranco Silecchia, direttore scientifico del Festival e Direttore UOC di Chirurgia Generale & Bariatric Center of Excellence IFSO-EU, Centro di Eccellenza Sicob, Sapienza Università di Roma Polo Pontino – si è voluto declinare il concept del Festival ‘Filmdipeso’ come terza missione del mondo accademico, oltre a quella didattico-formativa e di ricerca. Vogliamo che l’Università si inserisca nel territorio nel quale già opera, svolgendo un’azione culturale di sensibilizzazione e divulgazione scientifica sui temi della nutrizione, dell’obesità e dei disturbi alimentari. Il Dipartimento della Sapienza, che ha sede a Latina, ha accolto la proposta recependola come attività propria. Ne è nato un binomio di eccellenza tra Università di Roma Sapienza Polo Pontino e Comune di Latina, due garanzie istituzionali e promotori del Festival. Il nostro primo impegno come medici è quello di creare la consapevolezza nell’opinione pubblica che l’obesità è una grave condizione che mette a serio rischio la salute e la vita. Non possiamo più ignorare una malattia che colpisce 7 milioni di persone nel nostro Paese, senza contare i 20 milioni in sovrappeso”.

Il cartellone di eventi

Il Festival si preannuncia effervescente. Ricco il cartellone degli incontri e il panel degli ospiti di prestigio. A cominciare dai 13 cortometraggi in gara, selezionati tra i moltissimi arrivati dall’Italia e dall’estero, che verranno proiettati nel corso delle due giornate all’interno del Multisala Oxer di Latina. Al vincitore la Giuria di esperti, presieduta da Gianfranco Pannone, regista e docente al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e Palermo, assegnerà nel corso di una cerimonia di gala, sabato 6 aprile, il Premio Città di Latina e una menzione speciale per la tematica trattata. “Quest’anno abbiamo fatto un grande lavoro di selezione e le opere in concorso sono tutte di pregio e di altissima qualità – afferma Stefano Cioffi, Regista, fotografio e Direttore artistico del Festival – sono molto soddisfatto di questa edizione che ritengo eccezionale anche per l’internazionalità dell’offerta. Stiamo crescendo, quest’anno abbiamo dato all’iniziativa la struttura di vero e proprio Festival, non una mera sequenza di “corti” in gara ma una manifestazione multiculturale e internazionale sul cibo, l’alimentazione e la nutrizione declinata in espressioni squisitamente artistiche, pur restando fortemente ancorata al rigore della tematica scientifica che viene trattata”.

Le novità

Tantissime le novità introdotte in questa terza edizione del Festival “Filmdipeso”, che da un lato ha per protagonista il cinema dall’altra la scienza, che attraverso un linguaggio multiculturale, provano ad avvicinare la popolazione a problematiche sociali e sanitarie complesse quali l’obesità e i disturbi alimentari. Quest’anno sarà presentata una ricca produzione di “corti” fuori concorso e un emozionante docufilm che racconta l’Italia e il suo rapporto con il cibo dagli Anni ’50 ad oggi. In questa edizione “Filmdipeso” apre decisamente ai giovani. Nelle due giornate del Festival un ruolo di primo piano avranno i liceali di Latina e gli studenti del Corso di Medicina e Chirurgia Sapienza Università di Roma Polo Pontino, che saranno direttamente coinvolti nel dibattito medico-scientifico; infine, chef di fama internazionale, come Ugo Patierno, autore del libro “Metà” ed ex obeso, oltre a personaggi del mondo dello spettacolo tra i quali Martina Colombari, si confronteranno in un contest multiculturale sul cibo, l’alimentazione, il significato di nutrizione e ricette di buona cucina, con importanti voci del giornalismo locale e nazionale che all’interno di talk show dedicati affronteranno anche la spinosa questione delle fake news che invadono la rete sui temi dell’alimentazione e delle diete, e che possono essere contrastate solo attraverso un’informazione corretta e scientificamente validata.

Le due giornate dello Short Film Festival “Filmdipeso” saranno aperte al pubblico, gratuitamente e fino ad esaurimento posti. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.filmdipeso.it.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

Torna su
LatinaToday è in caricamento