rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità Ponza

Frana a Cala Fonte, paura a Ponza. E il sindaco chiude l’area per mancata sicurezza

L’ordinanza del primo cittadino Ambrosino dopo il distacco di una considerevole porzione di un costone roccioso che ha interessato anche alcune imbarcazioni

Arriva quando ormai la stagione balneare è alle porte l’ordinanza con cui il sindaco di Ponza, Francesco Ambrosino, ha interdetto l’area in località Cala Fonte che due giorni fa è stata interessata da una frana. 

Un provvedimento che è stato firmato nella giornata di oggi dal primo cittadino sulla scorta anche di quanto esplicitato in una specifica relazione della polizia locale, a cui ha fatto seguito anche il verbale del responsabile del servizio Urbanistica del Comune, in cui si spiega che nella giornata di lunedì 20 maggio si è verificato nella zona “il distacco di una considerevole porzione di un costone roccioso, prospiciente la baia di Cala Fonte”. 

La frana, che si è abbattuta nelle immediate vicinanze della rampa dalla quale si accede al mare, ha interessato anche alcune delle imbarcazioni in quel momento presenti. Fortunatamente non si registrano persone rimaste coinvolte, ma la situazione che si è generata, viene spiegato nell’ordinanza del sindaco Ambrosino, “non favorisce le condizioni di sicurezza del sito” e non viene quindi esclusa “l’evenienza che si possano verificare nuove situazioni pregiudizievoli per il territorio, con grave pericolo per l’incolumità pubblica”. 

Nel provvedimento si legge quindi che, "per consentire le opportune verifiche di natura geologica e accertare la stabilità dei luoghi”, si dispone "in via cautelare e provvisoria, per un periodo di 30 giorni l’interdizione della scala d’accesso alla cala e la relativa rampa di accesso al mare”. Si ordina inoltre “l’assoluto divieto di transito pedonale da oggi, 22 maggio, per 30 giorni”. L’area sarà quindi transennata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana a Cala Fonte, paura a Ponza. E il sindaco chiude l’area per mancata sicurezza

LatinaToday è in caricamento