Venerdì, 15 Ottobre 2021
Attualità

Fusione classico-commerciale, i docenti del Vittorio Veneto dicono “no”

Lettera degli insegnanti alla Provincia e agli Uffici scolastici provinciale e regionale. “Questo accorpamento non ha alcun senso”

Un no senza appello quello che arriva dai docenti dell’istituto tecnico-commerciale Vittorio Veneto di Latina rispetto all’ipotesi di una fusione con il liceo classico Alighieri, ipotesi emersa in sede di consiglio di istituto di quest’ultima scuola. In una nota inviata alla Provincia e agli Uffici scolastici provinciale e regionale il corpo docente esprime totale contrarietà al progetto di accorpamento.

“Non riusciamo a comprendere – sottolineano gli insegnanti - quali possano essere i criteri di armonizzazione delle esigenze didattiche, educative e di formazione specifica da applicare tra due istituti profondamente diversi: il nostro in particolare si caratterizza per un’offerta formativa curvata verso le esigenze del tessuto economico del territorio e il venir meno della nostra specificità implica l’impossibilità di fornire alle imprese le professionalità da loro richieste”.

Nella nota si ricorda inoltre come il Vittorio Veneto si diventato punto di riferimento anche per l’istruzione degli adulti e per l’alfabetizzazione degli stranieri e come abbia registrato nell’ultimo periodo un trend positivo di iscrizioni dato che il numero complessivo degli iscritti è attualmente poco al di sotto dei 600 alunni. “Non comprendiamo perché – aggiungono - non si sia mai nemmeno tentato di attivare un polo di percorsi di studio omogenei nel settore tecnico economico che andrebbe a migliorare la situazione di alcune istituzioni scolastiche fortemente sovradimensionate e che consentirebbe di razionalizzare l’offerta formativa territoriale”.

L’auspicio è quello che venga seriamente aperto un tavolo di discussione a cui possano partecipare tutti i soggetti coinvolti in modo da poter addivenire a decisioni condivise così come stabilito dalla normativa in materia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusione classico-commerciale, i docenti del Vittorio Veneto dicono “no”

LatinaToday è in caricamento