rotate-mobile
Gli appuntamenti / Cisterna di Latina

Cisterna dice no alla violenza sulle donne: flash mob e una panchina rossa a San Valentino

Alcune delle iniziative per il 25 novembre che si concluderà con la sottoscrizione di un protocollo per la rete antiviolenza

Iniziate lo scorso 18 novembre, stanno per concludersi le iniziative indette per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne a Cisterna.

Dopo i convegni “Due volti della violenza” e “La violenza non ha (s)campo”, venerdì 25 novembre alle 10.30  nel parco Giovanni Paolo II, nel quartiere San Valentino, si terrà l’inaugurazione della panchina rossa. L’iniziativa è promossa dal Rotary Club Aprilia-Cisterna, che donerà la panchina alla comunità di Cisterna, con il sostegno dell’Amministrazione comunale. Interverranno il sindaco Valentino Mantini, il presidente del Club Rotary Aprilia-Cisterna Antonio Vecchi, gli assessori alla Cultura, Pari Opportunità e Differenza di Genere Maria Innamorato, alla Scuola e Sport Emanuela Pagnanelli, e alle Politiche per l’Infanzia e Giovanili Michela Mariottini, il sacerdote della parrocchia di San Valentino don Paride Bove e la delegata agli Eventi Aura Contarino.

Un’ora più tardi si terrà “Uniti per combattere, insieme per ricordare”, un flash mob organizzato dall’Accademia MGA Studios e I.C. Monda - Volpi, che dall’istituto in via Oberdan partirà e, percorrendo via Monti Lepini, viale America, la Scalinata degli Angeli, via Ugo Bassi, raggiungerà piazza XIX Marzo. 

Infine, alle 17:30, nella Sala delle Statue si terrà un incontro aperto al pubblico per la sottoscrizione del protocollo d’intesa per l’istituzione di un Sistema Territoriale Antiviolenza in Rete a sostegno delle donne vittime di violenza. “Il protocollo, frutto di un lungo lavoro di analisi e confronto tra vari enti e soggetti - affermano l’assessore Maria Innamorato e la consigliera delegata Aura Contarino - nasce dall’idea che il sostegno a chi subisce gli abusi di genere, debba essere una rete di servizi e attività che investono varie competenze e istituzioni. Con la sottoscrizione del documento, quindi, avvieremo una serie di azioni e iniziative con l’intento di, ove possibile, prevenire episodi di violenza o per lo meno farli emergere e intercettarli sul nascere, nonché rafforzare la capacità di collaborazione e consolidare l’informazione, la sensibilizzazione sul fenomeno e consolidare i servizi dei centri antiviolenza e delle case rifugio garantendo una continuità e qualità del supporto”.

Per tutta la giornata nell’ingresso del palazzo comunale di Cisterna sarà presente un manichino di donna con indosso un drappo rosso e a terra le scarpette rosse, divenute simbolo della lotta per i diritti delle donne e contro la violenza di genere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisterna dice no alla violenza sulle donne: flash mob e una panchina rossa a San Valentino

LatinaToday è in caricamento