Attualità

Lunghe attese per ottenere il Green pass nel Lazio: disagi e polemiche

Su Fecebook nato un gruppo in cui gli utenti segnalano i disservizi e si scambiano consigli per cercare di risolvere il problema

Si chiama “Green pass Lazio” il nuovo gruppo nato su Facebook e creato per studiare soluzioni e scambiarsi consigli per ottenere la certificazione verde necessaria per gli spostamenti e obbligatoria in alcuni posti di lavoro. Nel Lazio infatti non mancano lunghissime attese per il Green pass e da tutta la regione arrivano segnalazioni e lamentele dei cittadini sui ritardi. Tra queste ci sono anche casi che riguardano residenti della provincia di Latina, come Andrea, un abitante di Aprilia che 17 giorni fa ha ricevuto la somministrazione della seconda dose del siero anti covid e da allora è ancora in attesa di ricevere la certificazione verde.

All’apertura dell’ennesima segnalazione, la Asl di Latina ha risposto con una email in cui spiega che ‘Nel periodo in cui ha effettuato la vaccinazione, la piattaforma era disabilitata a causa di un hackeraggio. Di quelle vaccinazioni se ne sta occupando la Regione che inserirà i dati in un arco di tempo a noi sconosciuto. Dopo 48 ore dalla registrazione della sua seconda dose, riceverà sms per scaricare il green pass’.  

La storia di Andrea è però comune a tanti cittadini residenti del Lazio che, nonostante abbiano ricevuto la somministrazione dell'intero ciclo vaccinale, non hanno ancora ottenuto il codice per avere il green pass. In altri casi, la vaccinazione addirittura non risulta e per questo gli utenti sul gruppo Facebook hanno cercato di fare fronte comune. Come Andrea scrivono dalla provincia di Latina diversi altri cittadini, come Vincenzo, vaccinato il 2 agosto all’AbbVie di Aprilia e ancora senza certificazione e senza risposte nonostante vari tentativi di contattare la Asl. O come Lucia e Maria, vaccinate invece all’ospedale di Fondi.

“Ho effettuato la seconda dose il 2 agosto – racconta invece Elisa a Roma Today - Inizialmente controllavo nel sito messo a disposizione dal ministero con lo spid, poi dopo una settimana, in cui non arrivava nulla e la mia vaccinazione non risultava nemmeno per richiedere l'authcode, ho iniziato a telefonare al 1500. A loro non risultava nulla e mi hanno rimandata all’hub, che però mi ha mandata in farmacia. Da qui mi hanno rimandato all’hub dove ho lasciato nuovamente i dati e sono in attesa di una telefonata di aggiornamento. Sono andata anche dai carabinieri, volevo sporgere denuncia, mi hanno rimandato alla Asl. Sembra di stare nel gioco dell’oca”. Elisa ha poi lanciato l'hashtag #greenpasslazio, seguita da molti altri utenti, per sensibilizzare la Regione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lunghe attese per ottenere il Green pass nel Lazio: disagi e polemiche

LatinaToday è in caricamento