Attualità

Green pass obbligatorio: quando serve e cosa si può fare. Tutte le regole

L’obbligatorietà in vigore dal 6 agosto per poter accedere a tutta una serie di servizi e di attività. Come funziona e come scaricarlo

Da venerdì 6 agosto anche nella provincia di Latina ed in tutto il Lazio il Green pass sarà obbligatorio per accedere a determinati servizi e per svolgere alcune attività. Questo quanto stabilisce l’ultimo decreto del Governo che introduce nuove misure per il contrasto alla diffusione del coronavirus. Nel documento viene spiegato che per poter usufruire di alcune attività e servizi sarà necessario possedere le "certificazioni verdi Covid-19 (Green Pass), comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 (validità 9 mesi) o la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi)" oppure l'"effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore)" per tutto il territorio nazionale”.

Per cosa serve il Green Pass

Ma vediamo nel concreto in quali situazioni è necessario avere con sé il Green pass, quali sono i servizi e le attività per i quali è obbligatorio a partire dal 6 agosto. E’ necessario per accedere ai servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso mentre non serve per il consumo al bancone o ai tavoli all’aperto; per accedere a musei e mostre o per assistere a spettacoli aperti al pubblico, concerti, eventi e competizioni sportive, come anche per partecipare alle attività al chiuso di centri culturali, sociali e ricreativi (ad eccezione dei centri educativi per l’infanzia e i centri estivi). E’ necessario, anche in zona bianca, per entrare in centri benessere e centri sportive al chiuso (come piscine, palestre e campi per sport di squadra) ed in centri termali, come anche in parchi tematici e di divertimento, per partecipare a fiere, sagre, convegni e congressi, e per accedere a strutture sanitarie ed Rsa. La certificazione verde è obbligatoria anche per partecipare a feste e ricevimenti, a concorsi pubblici, o per accedere a sale scommesse, giochi, bingo, casinò.

Cinema e teatri: ecco cosa cambia

Con il Green pass obbligatorio ci sono novità anche per cinema e teatri; innanzitutto aumenta il numero di spettatori ammessi ad assistervi. In zona gialla si entrerà con Green pass, mascherina e distanziamento, ma gli spettatori potranno salire all'aperto dagli attuali 1.000 a un massimo di 2.500 e al chiuso da 500 a 1.000. Mentre in zona bianca, dove ora sono fissati limiti di capienza, viene fissato un tetto all'aperto di 5.000 persone e al chiuso di 2.500 persone.

Sport e stadio: ecco cosa cambia con il Green Pass

Per gli eventi e le competizioni sportive in zona bianca la capienza consentita non può essere superiore al 50% di quella massima autorizzata all'aperto e al 25% al chiuso. In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 25% e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 2.500 per gli impianti all'aperto e a 1.000 per gli impianti al chiuso.

Come funziona il Green Pass

La certificazione contiene un QR Code con le informazioni essenziali. Agli operatori autorizzati al controllo bisogna mostrare soltanto il QR Code sia nella versione digitale, direttamente da smartphone o tablet, sia nella versione cartacea. La verifica dell’autenticità del certificato è effettuata dagli operatori autorizzati, per esempio nei porti e negli aeroporti, esclusivamente tramite l’app VerificaC19, nel rispetto della privacy.
Se il certificato è valido, il verificatore vedrà soltanto un segno grafico sul proprio dispositivo mobile (semaforo verde) e i dati anagrafici: nome e cognome e data di nascita. Il verificatore può chiedere di mostrare anche un documento di identità in corso di validità.

Come ottenere il Green Pass

Ottenere il Green pass è semplice. Sono stati previsti più canali, con o senza identità digitale, in piena autonomia o con un aiuto: 
• dal sito https://www.dgc.gov.it/ inserendo le info della propria tessera sanitaria e il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o sms ai recapiti che sono stati comunicati in sede di prestazione sanitaria (vaccino, tampone o guarigione da covid)
• accedendo al proprio Fascicolo Sanitario Elettronico
• tramite le App "Immuni" e "IO"
• rivolgendosi ai medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, farmacie
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass obbligatorio: quando serve e cosa si può fare. Tutte le regole

LatinaToday è in caricamento