rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
La gara di solidarietà

Guerra in Ucraina, attivata una raccolta di beni anche a Latina. Cosa e come si può donare

L’iniziativa dell’Amministrazione; le donazioni potranno essere fatte presso il Coc di via Cervone. Anche la farmacia comunale intanto ha aderito alla raccolta di medicinali promossa da Ordine dei farmacisti, Federfarma, Farla

Proseguono le iniziativa in sostegno della popolazione ucraina travolta dalla guerra a piè di due settimane ormai dall’attacco affondato dalla Russia di Vladimir Putin. Il Comune di Latina sta infatti organizzando una raccolta di beni di prima necessità che partirà nei prossimi giorni.

“In seguito alle ordinanze del 4 e 6 marzo 2022 emesse dal Dipartimento della Protezione civile con le quali si dispone il coinvolgimento delle strutture operative del Servizio nazionale della Protezione civile nelle attività di soccorso e assistenza alla popolazione proveniente dall’Ucraina spiegano da piazza del Popolo -, il Comune di Latina si accinge ad attivare, a partire dalla prossima settimana, una raccolta di beni di prima necessità presso i locali del Centro Operativo Comunale – Coc in Via Cervone n. 2”.

È possibile donare due giorni a settimana, il lunedì e il venerdì, dalle 15 alle 17. La tipologia di beni richiesti è: prodotti per l’igiene personale, cibo in scatola come carne, tonno, legumi, zuppe, verdure (non in vetro), prodotti per bambini, pannolini, salviette igieniche, omogeneizzati. Si prega la cittadinanza di donare prodotti che non abbiano una scadenza a breve termine.

“Limitatamente alla tipologia di beni richiesti - sposegue ancora l’Amministrazione -, gli istituti scolastici e le associazioni di volontariato che stanno effettuando autonomamente le proprie raccolte possono chiedere alla Protezione civile comunale il ritiro dei beni donati scrivendo a aiutiucraina@comune.latina.it. Lo stesso indirizzo email può essere utilizzato da tutta la cittadinanza per comunicare la disponibilità ad ospitare persone o famiglie ucraine provenienti dalla zona di guerra”.

“Voglio ringraziare la comunità di Latina – ha dichiarato la Vice Sindaco e Assessora al Welfare Francesca Pierleoni – perché stiamo ricevendo tantissime comunicazioni da parte di famiglie che stanno offrendo posti letto e ospitalità. Ad oggi i Servizi Sociali del Comune stanno assistendo circa 40 persone, di cui la metà bambini. Fatta eccezione per una donna con due figli piccoli, ospiti di una famiglia di Latina, sono tutti a casa di parenti ucraini già residenti nella nostra città”.

Nel frattempo, anche la farmacia comunale di Viale Kennedy ha aderito all’iniziativa di Federfarma Latina, Ordine dei farmacisti e Farla, in collaborazione la Croce Rossa Italiana, per una raccolta di farmaci e materiale sanitario. Fino al 16 marzo sarà possibile donare scegliendo tra i farmaci, i dispositivi medici e gli articoli sanitari indicati in due elenchi già prefissati ed esposti nelle singole farmacie aderenti. Possono essere donati solo i prodotti riportati in queste due liste, in confezioni integre e con scadenza non inferiore a sei mesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra in Ucraina, attivata una raccolta di beni anche a Latina. Cosa e come si può donare

LatinaToday è in caricamento