rotate-mobile
Attualità

Caso Karibu e Aid, la prefettura azzera l'affidamento dei centri di accoglienza

Tredici i centri gestiti dal consorzio in provincia di Latina, che ospitavano complessivamente 68 migranti, tutti riaffidati ad altre coop

E' stato annullato l'affidamento dei Cas - Centri di accoglienza straordinaria, al consorzio Aid, aggiudicatario del bando per l'accoglienza della prefettura di Latina. Aid e cooperativa Karibu, lo ricordiamo, sono al centro di un'inchiesta avviata dalla procura e condotta dalla guardia di finanza relativa alla gestione dei fondi. Il caso è scoppiato anche al livello nazionale e già nelle scorse settimane il consorzio aveva comunicato alla prefettura di non poter proseguire e di non riuscire a garantire il servizio. Il contratto con la prefettura, che legava a quanto pare soltanto Aid, è stato dunque rescisso.

I Cas gestiti da Aid, in tutto 13 dislocati in particolare a Latina e Roccasecca dei Volsci e a Terracina, con 68 migranti ospitati, sono stati dunque riaffidati ad altre cooperative aggiudicatarie del bando, Astrolabio, Quadrifoglio e Diaconia. Gli uffici della prefettura hanno dunque lavorato in modo tempestivo a una soluzione alternativa che potesse garantire comunque la continuità del servizio. L'intervento riguarda al momento esclusivamente l'appalto per l'accoglienza gestito dalla prefettura di Latina.

La decisione è arrivata dunque a pochi giorni dall'annuncio del ministro delle Imprese e del Made in Italy della proposta di liquidazione coatta per Karibu e di scioglimento per il consorzio Aid, arrivata al termine delle ispezioni disposte dal ministero nelle rispettive sedi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Karibu e Aid, la prefettura azzera l'affidamento dei centri di accoglienza

LatinaToday è in caricamento