rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Attualità

Avis, ritorno alla normalità dopo la pandemia con la festa del donatore

L'associazione, che ha comunque continuato a raccogliere sangue, ha consegnato i premi nel corso della tradizionale cerimonia

Dopo oltre due anni di pandemia l’Avis di Latina torna a celebrare la festa del donatore. In questo periodo l’associazione è andata avanti con molte difficoltà e solo la pazienza e la costanza dei donatori ha fatto sì che, nonostante i numeri ridimensionati, l’emergenza sangue venisse puntualmente scongiurata, almeno nella provincia di Latina. Così il 14 giugno scorso si è svolta la festa del donatore.

“C’era la voglia di tornare a ringraziare i donatori come si era sempre fatto – dichiara il presidente Emanuele Bragato – pur con la consapevolezza di non essere ancora tornati alle condizioni di libertà pre-pandemia. Abbiamo deciso di prendere come data simbolica la domenica successiva alla Giornata Mondiale del Donatore di sangue sperimentando la novità di una festa in piscina”. 

A premiare i donatori presenti, oltre ai dirigenti avisini, c’era anche il Comune di Latina rappresentato dall’assessora Adriana Calì; tra gli ospiti il consigliere regionale Enrico Forte, il quale durante la pandemia ha scritto un libro intitolato “Anticorpi” e ha devoluto il ricavato delle vendite proprio all’Avis riconoscendo il valore aggiunto che dà alla città di Latina. 

L’estate è alle porte e come sempre bisognerà fare i conti con la consueta e inevitabile carenza di sangue; l’invito che arriva dall’associazione è quello di non aspettare settembre per iniziare o per tornare in Avis a donare il sangue.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis, ritorno alla normalità dopo la pandemia con la festa del donatore

LatinaToday è in caricamento