rotate-mobile
Sanità

Giornata mondiale contro l'Aids: in calo le nuove diagnosi Hiv ma la pandemia riduce gli screening

I dati presentati dalla Asl nel corso di un convegno organizzato nella giornata di ieri, 1 dicembre

Diagnosi dimezzate nel 2022 rispetto a quelle di un anno fa. Parliamo di Hiv e dei dati resi noti dalla Asl in occasione della Giornata mondiale per la lotta contro l’Aids che si è celebrata ieri, 1 dicembre. Nel corso di un convegno organizzato al Conservatorio Respighi di Latina, che ha riunito esperti e virologi insieme alla direttrice della Uoc Malattie Infettive del Goretti Miriam Lichtner, alla direttrice generale della Asl Silvia Cavalli, al direttore sanitario Sergio Parrocchia e al presidente del corso di laurea in Medicina Claudio Di Cristofano, è stato fatto il punto della situazione, alla luce delle nuove diagnosi e degli screening effettuati, delle cure e dell’attività di prevenzione messa in campo negli anni, ma anche dello stigma sociale che ancora avvolge la malattia. Nel corso del 2022 le nuove diagnosi di Hiv sono state, in provincia di Latina, soltanto 8 rispetto alle 16 del 2021, mentre negli anni precedenti alla pandemia si erano sempre mantenute oltre le 20 all’anno. “L’interrogativo che ci poniamo è se questa diminuzione sia dovuta ad un’effettiva riduzione della trasmissione del virus dell’Hiv o, al contrario, alle mancate diagnosi, effetto collaterale della pandemia da Covid”. Il numero di test effettuati si è infatti drasticamente ridotto dal 2020 in poi. Basti pensare che nel 2019 erano stati oltre 800, passando poi a circa 300 nel 2020, a poco meno di 400 nel 2021 e a 400 circa nel 2022.

hiv nuove diagnosi-4

I grafici illustrati dalla dottoressa Lichtner mostrano inoltre come si sia sensibilmente ridotta la percentuale di diagnosi che riguardano donne, passata dal 41% del 2019 al 6,3% del 2021, mentre nel 2022, allo stato attuale, le nuove diagnosi riguardano soltanto uomini. L’età media inoltre si è alzata rispetto agli anni precedenti, ma in generale le nuove infezioni riguardano tutte le fasce di età.

Al momento la totalità dei pazienti Hiv seguiti dalla Asl, pari a 536, è in trattamento con antivirali.

Dai grafici presentati nella giornata di ieri emerge che l'attività di screening si è quasi dimezzata negli anni della pandemia ma alcune iniziative realizzate sul territorio, come Check point di via Legnano che consente test rapidi, anonimi e senza ospedalizzazione, risultano fondamentali per mantenere alta l'attenzione sul tema. Vengono infatti eseguiti test rapidi senza prelievo per Hiv, Hcv e sifilide prenotandosi al sito www.latinacheckpont.it. Ad oggi la struttura di via Legnano, a Latina, nell'arco di due anni dall'apertura, ha eseguito 248 test per Hiv, 191 per Hcv, 190 per sifilide.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata mondiale contro l'Aids: in calo le nuove diagnosi Hiv ma la pandemia riduce gli screening

LatinaToday è in caricamento