Mercoledì, 17 Luglio 2024
Salute

"Latina città cardioprotetta", si rinnova il progetto per ripristinare i defibrillatori in città

Ieri la firma del protocollo d'intesa tra Comune e associazione Latina nel Cuore, alla presenza della direttrice generale della Asl pontina

Un protocollo d'intesa per rinnovare il progetto "Latina città cardioprotetta". A firmare l'accordo il commissario straordinario del Comune Carmine Valente e il presidente dell'associazione Latina nel Cuore Giovanni Stivali, alla presenza della direttrice generale della Asl Silvia Cavalli e del professor Francesco Versaci, primario della Cardiologia dell'ospedale Goretti. 

L'intesa punta a riavviare una collaborazione orientata alla realizzazione di una rete integrata di interventi per il soccorso immediato in caso di arresto cardiaco. L'amministrazione e l'associazione si impegnano così a ripristinare le postazioni dei dispositivi, collocati in punti strategici della città e a realizzare corsi di formazione Bls-d (Base Life Support-defribillation), a promuovere la diffusione più ampia possibile della gestione laica dell’emergenza coinvolgendo la cittadinanza. Nell'occasione il commissario straordinario ha sottolineato la volontà di realizzare nuove postazioni pubbliche di emergenza contenenti i Dae e ha condiviso con i presenti alcune considerazioni sui progressi raggiunti in campo medico e specificatamente nella cardiologia grazie alle innovazioni tecnologiche e alla partecipazione attiva dei cittadini nell'emergenza. Già nel 2019, quando furono installate le prime postazioni in città, circa 100 volontari avevano partecipato alla formazione, ora si punta ad allargare la platea puntando anche alle scuole e ai lavoratori che si trovano in prossimità dei punti di primo soccorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Latina città cardioprotetta", si rinnova il progetto per ripristinare i defibrillatori in città
LatinaToday è in caricamento