Lunedì, 14 Giugno 2021
Attualità

Coronavirus, Latina ed il resto del Lazio in zona bianca. Cosa cambia dal 14 giugno

L’annuncio del ministro della Salute Speranza. Si allentano le maglie delle restrizioni anche per i cittadini della provincia pontina. Quali sono le regole

Lazio in zona bianca. L’ufficialità è arrivata dal ministro della Salute Roberto Speranza nel corso della conferenza stampa di oggi pomeriggio per fornire un aggiornamento sulla campagna vaccinale che sull'andamento epidemiologico Covid-19. La data, come era stato ampiamente annunciato, è quella del 14 giugno, giorno in cui anche per i cittadini della provincia di latina si allenteranno ulteriormente le maglie delle misure disposte dal Governo per il contenimento della diffusione del coronavirus.

"Finita questa conferenza stampa tornerò al ministero della Salute e firmerò una nuova ordinanza, come ogni venerdì. E' un'ordinanza che ritengo importante perché porta in zona bianca una parte molto larga del nostro Paese, circa il 50% dei nostri concittadini - ha detto il ministro Speranza  Questa ordinanza prevedrà la zona bianca per le regioni Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e per la Provincia autonoma di Trento. E' un segnale importante e incoraggiante che segnala come siamo sulla strada giusta, pur continuando io ad avere parole di prudenza", ha spiegato Speranza.

Zingaretti: “Continuiamo a rispettare le regole”

Ad anticipare il passaggio in zona bianca era stato questa mattina anche il presidente della Regione Nicola Zingaretti nel corso della conferenza convocata per la presentazione del  nuovo sistema di prenotazione dei vaccini presso le unità di cure primarie dei medici di medicina generale. "Da lunedì entreremo in zona bianca, e lo faremo anche grazie alla comunità del Lazio: siamo stati la regione con il minor numero di giorni di restrizione in zona arancione e rossa, malgrado i problemi immensi le imprese hanno comunque potuto sviluppare la propria attività e da lunedì inizia una stagione diversa. Raccomando anche in zona bianca di continuare a osservare le regole, prime fra tutte indossare la mascherina ed evitare il più possibile gli assembramenti” ha detto Zingaretti. ”Se si va verso un'abolizione dell'obbligo di mascherina all'aperto? Non è una nostra competenza - ha risposto - ma credo che sia utile mantenerla, perché la zona bianca moltiplicherà le occasioni di incontro durante la giornata. I risultati di cui godiamo ora sono frutto proprio delle misure di contenimento, come l'aver mantenuto ancora il coprifuoco fino a oggi”.

I numeri nel Lazio

Sono stati i numeri registrati in queste settimane a portare il Lazio in zona bianca. La curva progressivamente in discesa con un allentamento della pressione anche sulle strutture ospedaliere. L’incidenza, secondo gli ultimi dati diffusi dalla Regione, è di 23 casi ogni 100mila abitanti - per la terza settimana consecutiva, quindi, sotto la soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti, e l’indice Rt è a 0,62. “Siamo in una fase in cui possiamo riprendere in mano con più serenità le attività della nostra vita quotidiana, ricordando sempre di non abbassare la guardia e di continuare a rispettare le basilari regole per arginare il contagio” commentano dalla Regione.

Regole in zona bianca

Cosa cambia con il passaggio in zona bianca per i cittadini pontini e di tutto il Lazio? Innanzitutto viene abolito il coprifuoco; ciò vuol dire che non è più necessario rientrare a casa entro una certa ora e che ci si può spostare spostare senza limiti di orario. Bar, ristoranti e le altre attività di ristorazione sono aperti ed è possibile consumare cibi e bevande al loro interno senza limiti orari; sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio. Le nuove regole prevedono che in zona bianca all’aperto non ci siano limiti di persone ai tavoli (tra i quali deve esserci comunque il distanziamento di un metro), mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo massimo sei persone salvo che siano tutti conviventi. Resta l’obbligo, quindi, dell’uso della mascherina e del rispetto del distanziamento sociale, come il divieto di assebramento. A chi si trova in zona bianca sono consentiti gli spostamenti senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento, verso altre località della zona bianca; senza limiti di orario verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute; verso località della zona gialla, senza doverne giustificare il motivo, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti in zona gialla e di quelle relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate; verso tutto il territorio nazionale, se la persona che si sposta è in possesso di una “certificazione verde COVID-19” valida (si veda la FAQ specifica), nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti nella zona di destinazione. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Latina ed il resto del Lazio in zona bianca. Cosa cambia dal 14 giugno

LatinaToday è in caricamento