menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ligea ha preso il volo: dopo anni la prima Berta con passaporto di Ventotene

Per la prima volta è stato possibile documentare la nascita e l’involo di un pulcino da quest’isola. Ora starà sorvolando le acque dell'Oceano Atlantico. Soddisfazione espressa dal Parco Monti Ausoni e Lago di Fondi

Ligea ha finalmente preso il volo: dopo anni la prima Berta con passaporto di Ventotene

A raccontare questa bella storia che arriva dall’isola pontina il Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi che ha avuto un ruolo importante. Ad agosto e, in maniera anche abbastanza casuale, è stato scoperto un nido di Berta Maggiore (Calonectris diomedea) a Ventotene; per la prima volta è stato possibile documentare la nascita e l’involo di un pulcino da quest’isola “sia perché - spiegano dal Parco - è molto difficile ispezionare i nidi visto che le uova vengono deposte sulle pareti rocciose a picco sul mare. Ma anche perché fino a poco tempo fa sui pulcini gravava una minaccia terribile: quella dei ratti. Animali, arrivati sull’isola insieme all’uomo, che predano sia le uova sia i pulcini delle berte”. 

Il Progetto Life PonDerat (co-finanziato dall'Unione Europea che ha come obiettivo il miglioramento dello stato di conservazione di specie e habitat delle Isole Ponziane) ha eliminato questa minaccia da Ventotene e Palmarola. In particolare, l’obiettivo è quello di tutelare alcune specie di uccelli marini, come la Berta maggiore e la Berta minore (i nostri albatros), gravemente minacciate dalla predazione dei ratti sui pulcini, e gli habitat tipici delle isole del Mediterraneo, presenti con lembi importanti e significativi proprio nelle Isole Ponziane, messi a rischio dalla presenza di specie animali e vegetali aliene. ll progetto è coordinato dalla Regione Lazio (Direzione Capitale Naturale, Parchi e Aree Protette); gli altri partner sono il Dipartimento di Biologia Ambientale della Sapienza Università di Roma, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), La Riserva Naturale Statale Isole di Ventotene e Santo Stefano e la Nemo srl. Anche il Parco Monti Ausoni e Lago di Fondi ha partecipato con il suo personale, e oggi esprime soddisfazione ai frutti del lavoro svolto.

“Il pulcino di Ventotene è stato chiamato con il nome di Ligea, una delle sirene della mitologia greca. Ora starà sorvolando le acque dell'Oceano Atlantico, di fronte alle coste dell'Africa occidentale, insieme alle altre Berte maggiori partite dalla Isole Ponziane questo autunno. Ma prima che si involasse è stata inanellata e sarà così riconoscibile in tutto il mondo come TJ 1592. Il Progetto PonDerat ha quasi del tutto eliminato la minaccia di animali alieni invasivi da Ventotene, Santo Stefano e Palmarola. Tanto che fino a pochi anni fa si involava solo un pulcino su dieci da Palmarola. Quest’anno sono riusciti a prendere il volo nove pulcini su dieci. Un successo pieno. Aspettando il ritorno delle Berte maggiori nei nostri mari, auguriamo a Ligea che ha il passaporto di Ventotene e a tutte le altre nate quest'anno nelle Isole Ponziane, buon vento” concludono dal Parco Monti Ausoni e Lago di Fondi. 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento