menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una carovana di mezzi bellici d’epoca per rievocare “La battaglia di Cisterna”

Evento speciale anche in ricorrenze dell’anniversario dello sbarco di Anzio-Nettuno: una ventina di mezzi originali d’epoca con a bordo circa 50 figuranti in tuta mimetica statunitense hanno raggiunto Isolabella

Evento speciale sabato scorso a Cisterna per celebrare lo Sbarco alleato di Anzio-Nettuno (22 gennaio 1944) e la Battaglia di Cisterna (la notte tra il 29-30 gennaio 1944). 

Settantasei anni fa 755 giovani soldati americani perirono nelle campagne di Isolabella nel tentativo di liberare la città e fare ingresso a Roma. Erano il 1º e il 3º battaglione dei celebri Ranger, lo speciale reparto militare addestrato per operazioni d'assalto sul territorio nemico fondato dal William Orlando Darby. L’agguato teso dai tedeschi non lasciò scampo ai soldati americani e segnò profondamente le successive vicende belliche trasformando Cisterna in un drammatico e prolungato teatro di guerra tra fronti contrapposti.

Quel tragico evento passò alla storia come “La battaglia di Cisterna” e in onore del sacrificio patito dai soldati i due battaglioni non furono più ricostituiti. E per celebrarlo, insieme anche all’anniversario dello Sbarco alleato di Anzio-Nettuno, sabato si è tenuta una rievocazione organizzata dall’associazione HighWay Six Club, in collaborazione con la sezione ANGET di Cisterna e il patrocinio comunale.

Una carovana di una ventina di mezzi originali d’epoca con a bordo circa cinquanta figuranti in tuta mimetica statunitense ha raggiunto la località di Isolabella. Ad accoglierli l’assessore Alberto Ceri in rappresentanza dell’Amministrazione comunale. Dinanzi alle colonne-monumento che conservano i fori dei proiettili della Battaglia, è stato intonato il “Silenzio” e deposta una corona d’alloro. Quindi il corteo si è diretto verso il centro di Cisterna e sfilando lungo Corso della Repubblica ha raggiunto Palazzo Caetani, dove è stata svolta una visita guidata all’interno delle sale e delle grotte.

Emozionante è stato il ricordo della popolazione cisternese che nei cunicoli dello storico edificio ha trovato riparo, ma anche tanti sacrifici, stenti e taluni la morte, per 56 giorni, fino all’ordine di sfollare la città, avvenuto il 19 marzo. “Chissà quante volte queste Jeep Willys sono passate su Via Nettuno, a Le Ferriere e nelle vie della nostra città – ha commentato Ceri -, e quando dolore e sangue sono stati versati. Noi, fortunatamente, li possiamo solo immaginare, ma per nessun motivo li dobbiamo dimenticare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento