rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
L'iniziativa

Rifiuti, raccolta porta a porta anche nel Polo Pontino della Sapienza. Progetto pilota a Latina

Presentato il progetto che partirà il 14 settembre e mira a raggiungere indici di raccolta differenziata qualitativamente e quantitativamente elevati

E’ stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa il progetto di raccolta differenziata porta a porta all’interno del Polo Pontino della Sapienza. L’incontro c’è stato nella sala conferenze del CeRSITeS - Centro Ricerche e Servizi per l'Innovazione Tecnologica Sostenibile.

Il servizio sarà attivato il prossimo 14 marzo e il progetto si inserisce nell’ambito della convenzione stipulata il 18 novembre scorso tra Abc e il CeRSITeS di Latina, al fine di condividere, valorizzare e divulgare risorse culturali ed esperienze tecnico scientifiche; organizzare congiuntamente studi, seminari e gruppi di studio su temi di interesse comune; scambiare informazioni scientifiche e tecniche; elaborare progetti formativi.
Il progetto pilota, attraverso una sinergia virtuosa tra Azienda, Sapienza e Comune di Latina, mira a raggiungere indici di raccolta differenziata qualitativamente e quantitativamente elevati, pari al 70%, attraverso un’attività di sensibilizzazione e promozione delle buone pratiche ambientali che vede le studentesse e gli studenti protagonisti attivi del cambiamento.

“Siamo tutti impegnati nel trasformare in realtà questa visione di Latina città universitaria e sostenibile. – ha dichiarato il sindaco di Latina Damiano Coletta - Il progetto presentato oggi va proprio in questa direzione e lo fa lanciando un segnale importante perché si concretizza con l’università, che negli anni ha stretto un rapporto sempre più sinergico con Latina, e con i giovani, che sono i pionieri di questo cambio culturale che riguarda l’attenzione all’ambiente. È una parte del percorso che Abc e l’Amministrazione hanno intrapreso insieme con il porta a porta, i cui primi risultati sono stati eccezionali, e che oggi ci vede entrare in sintonia ulteriormente con Sapienza”.
“Continua senza sosta il lavoro della nostra Azienda Speciale Abc. – ha sottolineato l’assessore all’Igiene urbana, Dario Bellini - La mission che come amministrazione abbiamo impresso in ogni atto costitutivo dell’azienda, si sta trasformando in azioni concrete che stanno rivoluzionando il paradigma di gestione dei rifiuti nella nostra città: non più rifiuti ma materie prime da valorizzare il più possibile nell’interesse dell’intera comunità. E in questo contesto, volto anche alla ricostruzione di un rapporto di fiducia tra gestore del servizio ed utenza, che esprimo tutta la mia soddisfazione per l’iniziativa che nasce oggi grazie alla collaborazione con l’Università Sapienza.  Un modo perfetto per continuare a lavorare nella giusta direzione”.

rifiuti_porta_porta_universita_1-2

Abc ha fornito l’attrezzatura necessaria per gli spazi esterni di ogni plesso (secco non riciclabile, carta, plastica e metalli); mentre per gli spazi interni è stata consegnata una fornitura di contenitori realizzati in cartone riciclato, cofinanziati da Sartori Ambiente.

“L’incontro di oggi – ha dichiarato il presidente Abc, Gustavo Giorgi - è la conferma della capacità dell’Azienda di relazionarsi con il territorio, in particolare con l’Università Sapienza con la quale sono già state avviate forme di collaborazione. Questa volta si tratta di un’iniziativa di carattere operativo che punta a coinvolgere direttamente la popolazione studentesca sulle tematiche della valorizzazione dei rifiuti e mettere così le basi ad un sistema che verrà ulteriormente sviluppato mediante altre iniziative”.

“Il progetto rappresenta un ulteriore passo che Sapienza, insieme ad Abc e Comune, ha messo in atto non solo al fine di aumentare la sensibilità dei giovani sui temi ambientali ma anche di diffondere e sperimentare buone pratiche per la valorizzazione dei rifiuti in un’ottica  di economia circolare" ha affermato il prorettore per le sedi decentrate (Latina e Rieti), professor Giuseppe Bonifazi. "Tale progetto getta le basi per la costruzione di nuove importanti iniziative congiunte finalizzate sia alla sensibilizzazione e formazione sul territorio sull’uso sostenibile delle risorse  sia allo sviluppo di studi per il recupero dei prodotti giunti a fine vita” ha concluso la professoressa Silvia Serranti, referente per il CeRSITeS della Convenzione siglata con ABC e coordinatrice del Gruppo di lavoro “Risorse&Rifiuti".

Sono intervenuti alla conferenza anche il direttore generale Abc Latina, Silvio Ascoli, il prorettore alla Sostenibilità il professor Livio De Santoli, il direttore del CeRSITeS il professor Vincenzo Petrozza, la rappresentante degli studenti, Lucia Lombardo e il Presidente di Achab Group, Paolo Silingardi, che con Abc ha predisposto una collaterale campagna informativa. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, raccolta porta a porta anche nel Polo Pontino della Sapienza. Progetto pilota a Latina

LatinaToday è in caricamento