menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casa ferie Salvatore: un piccolo paradiso accessibile a tutti a San Felice Circeo

La riapertura dopo il lockdown. Sabina Avagliano, titolare del lido: “Sono stati mesi duri. Solo grazie alla speranza dei clienti di poter tornare a godere della bellezza del nostro mare abbiamo trovato la forza di andare avanti”

C’è un posto dove già tante persone in sedia a rotelle hanno scoperto che una vacanza senza disagi e senza difficoltà è possibile. Ogni anno ci sono ospiti nuovi entusiasti di fare il primo bagno al mare dopo anni. Ventimila metri quadri senza gradini e senza ostacoli da superare o aggirare, nemmeno nei bagni privati o nelle cucine. Un bel complesso fatto di verde e quaranta stanze. Il fiore all’occhiello è rappresentato dalla spiaggia “Voglia di mare” con bar, zona d’ombra, aiutanti, sedie per entrare in acqua e quest’anno anche igienizzanti, termometro a infrarossi, ombrelloni a tre metri e mezzo uno dall’altro.

“Casa ferie Salvatore" a San Felice Circeo è un piccolo paradiso per le persone con disabilità. “Una spiaggia come ‘Voglia di mare’ non c'è da nessuna parte, questo è un sogno diventato realtà” ha detto Sabina Avagliano, titolare del lido. Passare qualche giorno, qualche settimana lontano dai problemi della vita quotidiana è importante per tutti, ma soprattutto per chi nella vita incontra mille più problemi, come purtroppo spesso è il caso delle persone con disabilità.

“Casa Ferie Salvatore” e “Voglia di mare” hanno preso vita da un sogno di Salvatore Avagliano, il padre di Sabina, ben quarantadue anni fa. L’impegno profuso da Salvatore per aiutare le persone con disabilità gli valse nel 2004 la nomina a Cavaliere della Repubblica di Germania dov’era emigrato alla fine degli anni Sessanta. 

Il Covid-19 ha messo in ginocchio numerose realtà del nostro Paese e anche l’impresa che la famiglia Avagliano sta portando avanti è stata profondamente colpita. Il centro ha finalmente riaperto dopo il lockdown: “Sono stati mesi duri sempre sul filo del rasoio tra rialzarsi e cadere – sottolinea Sabina Avagliano –, ho temuto di dover mollare tutto. Solo grazie alla speranza dei clienti più affezionati di poter tornare a godere della bellezza del nostro mare abbiamo trovato la forza di andare avanti. Oltre a garantire, come è nella nostra mission, un facile accesso al mare e numerosi altri servizi quali corsi di cucina, di lingue straniere, gite ed eventi sportivi, è per noi ora molto importante porre l’attenzione sulla salute. Per questo abbiamo riorganizzato alcuni spazi per garantire il necessario distanziamento sociale oltre all’aver dotato di dispositivi per la protezione individuale quali mascherine e guanti tutto il personale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento